Speranza al ‘TG1’: “Il vaccino è l’arma decisiva. Dobbiamo accelerare e lo stiamo facendo”.

ROMA – Roberto Speranza al TG1 replica alle ipotesi di riaperture avanzate dalla Lega già nelle prossime settimane. “Le aperture ci saranno appena i dati epidemiologici ci consegneranno un quadro diverso – le parole del ministro, riportate dall’Adnkronos – in questo momento nel nostro Paese, come nel resto d’Europa, la situazione è ancora molto seria. Ma possiamo guardare con fiducia alle prossime settimane grazie al vaccino e alle misure adottate“.

“Preoccupa la variante inglese”

Il titolare della Salute si sofferma anche sulla situazione epidemiologica italiana. “In questa lotta – sottolinea Speranza – c’è un primissimo miglioramento, dovuto alle misure attuate nelle ultime settimane, ma la situazione resta molto seria e va seguita con la massima attenzione […]. La variante inglese, più veloce nel contagiare, è diventata prevalente e credo che questo sia il problema più grande che abbiamo“.

Un passaggio anche sulla campagna vaccinale: “Negli ultimi due giorni nel nostro Paese sono arrivati quasi 2 milioni di dosi. Noi facciamo il massimo di pressione possibile sulle aziende farmaceutiche per far rispettare i contratti e le consegne […]. Il vaccino resta l’arma decisiva, dobbiamo accelerare il più possibile e lo stiamo facendo“.

Roberto Speranza
Roberto Speranza

Il braccio di ferro con il Centrodestra

Le parole di Speranza, comunque, non sembrano placare le tensioni all’interno della maggioranza. Il Centrodestra, in particolare la Lega, continuano a spingere per chiedere delle riaperture già nelle prossime settimane.

Durante la discussione per il decreto di maggio, la Lega potrebbe trovarsi appoggiata da Forza Italia e Italia Viva. Si tratta di una situazione non semplice da gestire per il premier Draghi. Toccherà al presidente del Consiglio trovare il giusto compromesso per consentire un futuro a questo esecutivo. Il quadro generale, comunque, non è dei più cari e il duello potrebbe ripetersi ancora una volta in futuro.

TAG:
coronavirus primo piano vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 02-04-2021


Il presidente della Valle d’Aosta Erik Lavevaz positivo al coronavirus

Coronavirus in Italia, perché lo stato di emergenza potrebbe essere prorogato fino al 31 luglio