Il ministro Tria a Sky TG24: rallentamento economia previsto. No a manovra correttiva

Il ministro Tria ai microfoni di Sky TG24: “Il rallentamento dell’economia non ci sorprende. Nessuna manovra correttiva in programma”.

DAVOS (SVIZZERA) – Lunga intervista ai microfoni di Sky TG24 per il ministro dell’Economia, Giovanni Tria. Il numero uno di via XX settembre non si dice sorpreso del rallentamento dell’economia: “Lo avevamo previsto – sottolinea – sin da settembre e per questo non siamo molto sorpresi. Avevamo fatto presente anche quando contestavamo le politiche restrittive che ci chiedevano. Non so dire se avranno ragione perché si tratta di stime e previsioni che in queste situazioni sono sempre molto complesse“.

Giovanni Tria
Giovanni Tria (fonte foto https://twitter.com/Assolombarda)

Il ministro Tria ai microfoni di Sky TG24: “Escludo una manovra correttiva. Scontro con Francia e Germania? Non lo vogliamo”

Come confermato in altre interviste, il ministro Tria esclude una seconda legge di bilancio: “Tenderei ad escluderla per diversi motivi. Non siamo ancora arrivati a sei mesi ed è difficili giudicare l’andamento dei conti pubblici. Il nostro obiettivo di deficit è strutturale e quindi non tiene conti delle variazioni congiunturali e degli effetti delle variazioni congiunturali sul livello di deficit“.

Dopo l’accordo con l’Unione Europea – continua il ministro – lo spread è sceso fino a 250 ma poi tiene conto anche delle incertezze dell’economia mondiale. Noi ci aspettiamo che scenda ancora”. E sullo scontro con Francia e Germania dice: “Non dico che non ce lo possiamo permettere ma sicuramente non lo vogliamo. E’ normale avere discussioni sui singoli punti ma in sede Europea si cerca di trovare una soluzione comune“.

Parole chiare da parte del ministro Tria che apre al colloquio con Germania e Francia. Tanti gli argomenti in questa intervista toccati dall’inquilino di via XX settembre, fiducioso di una crescita dell’Italia con la manovra. Esclusa la possibilità di un ritocco della legge di bilancio che dovrebbe rispettare gli obiettivi di deficit raggiunti con l’Unione Europea.

fonte foto copertina https://twitter.com/Assolombarda

ultimo aggiornamento: 23-01-2019

X