Intossicazione da monossido di carbonio, morta una bambina di undici anni nelle Marche. Ricoverato il fratello di appena sette anni.

Inverno maledetto per l’Italia che piange una nuova tragedia legata all’intossicazione da monossido di carbonio. Il caso di cronaca arriva questa volta dalle Marche, dove una bambina di undici anni è morta intossicata. Ricoverato in ospedale il fratello di sette anni, al momento non si hanno notizie sulle condizioni degli altri membri della famiglia.

Intossicazione da monossido di carbonio, morta una bambina di undici anni di Aspro di Sassoferrato (Marche). Ricoverato in ospedale il fratello di sette anni

Tutta la famiglia che si trovava nella propria casa nella frazione di Aspro di Sassoferrato – nelle Marche – è rimasta intossicata. È morta una bambina di appena undici anni, mentre un bambino di sette, fratellino della bimba rimasta uccisa, è stato trasportato in ospedale dove è stato ricoverato. Stando alle informazioni raccolte, le condizioni del bambino sarebbero gravi ma non sono state ancora forniti dettagli sulla prognosi. Non è chiaro al momento il numero delle persone rimaste coinvolte nell’incidente domestico.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Ambulanza
fonte foto https://www.facebook.com/Primapartenza-Brescia-772460412826349/

Intossicazione da monossido di carbonio dovuta probabilmente al malfunzionamento di una piccola stufa domestica utilizzata per riscaldare la casa

L’intossicazione da monossido di carbonio, come spesso accade in questi casi, potrebbe essere dovuto alla perdita di una piccola stufetta utilizzata per riscaldare la casa. Immediato l’intervento sul posto dei soccorritori e dei Vigili del Fuoco che, in seguito alle operazioni di messa in sicurezza e in seguito ai sopralluoghi di rito, faranno luce sulle cause dell’incidente.

ultimo aggiornamento: 11-01-2019


Sciopero dei controllori di volo, venerdì nero per i trasporti

Rigopiano: porta i fiori sul luogo della morte del figlio, multato per 4.550 euro