Ipotesi futuro Serie A, possibile la ripartenza o lo stop

Serie A, la Figc al lavoro su diverse ipotesi. Non c’è l’accordo sugli stipendi

Le ipotesi sul futuro della Serie A: ripartenza tra maggio e giugno o stop definitivo.

ROMA – Le ipotesi sul futuro di questa stagione della Serie A sono diversi. La Figc ha voglia di ripartire e per questo ha fissato la data del 20 maggio come ideale per ritornare in campo (a porte chiuse). Ipotesi anche di una ripresa nei primi giorni di giugno anche se ancora non è stato deciso nulla.

La mediazione con le squadre continua visto che alcuni presidenti hanno chiesto la sospensione definitiva del campionato con la cristallizzazione della classifica.

Le due ipotesi in caso di sospensione definitiva

In caso di sospensione definitiva le ipotesi sono due. Da una parte quella della cristallizzazione della classifica con una Serie A a 22 squadre la prossima stagione. Nessuna retrocessione, quindi, e due promozioni dal campionato cadetto.

Negli ultimi giorni, però, è uscita l’indiscrezione di assegnare tre punti a tutte le squadre per le giornate che mancano. Nessuna variazione, quindi, in classifica ma in questo modo si potrà procedere con due retrocessioni (Spal e Brescia) e altrettante promozioni dalla Serie B (Benevento e Crotone).

Serie A
Serie A

Nessun accordo sugli stipendi

Per quanto riguarda gli stipendi non c’è nessun accordo. L’Aic sta portando avanti la discussione anche se ha rifiutato la proposta di sospendere i pagamenti per quattro mesi. Sul tavolo il congelamento di un mese, più o meno come scelto dalla Juventus.

Le trattative, però, vanno avanti anche tra i singoli club per trovare un accordo. La soluzione ideale, infatti, sembrerebbe proprio questa anche se non sarà semplice arrivare ad una fumata bianca. Il futuro della Serie A continua a restare in forte dubbio e i prossimi giorni saranno fondamentali per decidere sulla ripartenza e sulla sospensione degli ingaggi dei calciatori.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

ultimo aggiornamento: 04-04-2020

X