Monaco Racing Team in Formula 1 dal 2022? L’imprenditore Salvatore Gandolfo vuole entrare nel Motorsport.

ROMA – Monaco Racing Team in Formula 1 dal 2022? Il progetto voluto fortemente dall’imprenditore italo-elvetico Salvatore Gandolfo è ormai ben avviato e anche i contatti con la Liberty Media sono continui.

L’obiettivo del manager è quello di riuscire a portare il nuovo team in gara nella stagione considerata da tutti come l’anno zero della Formula 1. La porta non è chiusa e nelle prossime settimane ci potrebbero essere importanti novità. Il circus si prepara ad accogliere il primo team del Principato di Monaco e, chissà, se in futuro proverà a convincere anche Charles Lecler.

Gandolfo ci crede: “Siamo pronti ad ufficializzare la richiesta”

Il progetto poteva avere un rallentamento solo con la conferma di una sorta tassa di iscrizione. Un passaggio che alcuni team ritengono obbligatorio, ma Stefano Domenicali sembra essere intenzionato a rivedere questa quota e rendere gratuito l’ingresso in Formula 1.

Le recenti parole di Domenicali che aprono alla possibilità di revocare la quota di 200 milioni – ha ammesso Gandolfo, riportato da La Gazzetta dello Sportper noi sono un passo avanti nella giusta direzione. Apprezziamo l’atteggiamento di apertura di Domenicali e della Fia. Siamo pronti a fare i passi necessari per ufficializzare la nostra richiesta“.

Formula 1
Formula 1

Monaco Racing Team in Formula 1?

L’ultimo team ad essere entrato in Formula 1 è stata la Haas. Nel 2022 potrebbe toccare al Monaco Racing Team. Il progetto è ben avviato e il manager Salvatore Gandolfo non sembra essere intenzionato a fare un passo indietro.

Nelle prossime settimane potrebbero essere comunicati ulteriori dettagli su questo progetto. Il sogno resta quello di portare Charles Leclerc a correre con la scuderia di casa. Difficile portarlo sin dal primo anno, ma non si esclude in futuro la possibilità di convincere il monegasco a disputare almeno un Mondiale con il team del Principato.


Lapo Elkann ‘sbarca’ in MotoGP

Hyperloop può arrivare in Italia alla fine del decennio: da Milano a Roma in 30 minuti