Ipotesi scostamento di bilancio da 40 miliardi di euro. Ristori per 2 mesi e fondo per le opere escluse da Recovery Fund.

ROMA – Scostamento di bilancio da 40 miliardi di euro. E’ questo l’ultima ipotesi in vista del prossimo Decreto Sostegni. Nelle prossime ore il premier Draghi dovrebbe convocare un Consiglio dei ministri per approvare questi fondi da mettere a disposizione di imprese e famiglie.

Il nuovo scostamento, come riportato dall’Ansa, servirà anche a creare un fondo ad hoc pluriennale per le opere escluse dal Recovery Fund.

Il Governo accelera sui ristori

Uno scostamento di bilancio per aiutare le imprese a superare in parte le difficoltà dovute alle chiusure. 10 miliardi dei 40 dovrebbero riguardare i nuovi ristori a fondo perduto per due mensilità. Si tratta di un piccolo cambio di passo rispetto al passato visto che il primo era stato parametrato solo su un mese.

Il provvedimento, inoltre, prevede un fondo da 20-30 miliardi per includere le opere escluse dal Recovery Fund. Si tratta di un aiuto importante per rilanciare un Paese messo in ginocchio dalla pandemia.

Palazzo Chigi
Palazzo Chigi

Governo al lavoro per le riaperture

Non solo ristori. Il Governo continua a lavorare sulle riaperture. Il ministro Giorgetti nell’incontro con i rappresentati del Mise ha confermato l’ipotesi di un Consiglio dei ministri la prossima settimana per fare il punto sul coronavirus e capire come muoversi sulle riaperture. Nessuna data ipotizzata, ma maggio continua ad essere il mese indicato per tornare alla normalità in breve tempo.

Nelle prossime ore sul tavolo del premier Draghi potrebbero arrivare le proposte delle Regioni in vista del prossimo decreto. L’ipotesi è quella di riaprire in sicurezza i ristoranti a pranzo e a cena sfruttando gli spazi all’aperto. Su questo è aperta una discussione all’interno della maggioranza e il braccio di ferro potrebbe durare ancora


Alitalia, continua la trattativa con l’Ue: ipotesi decollo con 47 aerei

Mattarella: “La pandemia ci ha ricordato come ciascuno di noi dipenda dagli altri”