Iran, Rohani: "Arricchimento uranio anche oltre i limiti". Trump minaccia

Tensione Usa-Iran, Trump: “Rohani, attento alle minacce. Possono tornare indietro e morderti…”

Iran e Stati Uniti al braccio di ferro. Dopo la vicenda delle petroliere, Rohani ha annunciato l’aumento dell’arricchimento di uranio. Trump al contrattacco.

WASHINGTON (USA) – Il livello di tensione tra Iran e Stati Uniti rimane su livelli altissimi. Dopo la questione riguardante le petroliere in transito nel Golfo dell’Oman, botta e risposta tra Mohammed Rohani e Donald Trump.

Trump minaccia Teheran

L’Iran ha appena lanciato un nuovo monito. Rohani afferma che arricchiranno l’uranio ‘in qualsiasi quantità vogliamo’ se non c’è alcun nuovo accordo nucleare. Attenzione con le minacce, Iran. Possono tornare indietro per morderti come nessun altro è stato morso prima!“. Così Donald Trump su twitter.

Rohani e Putin
https://it.wikipedia.org/wiki/Hassan_Rouhani#/media/File:Hassan_Rouhani_and_Vladimir_Putin_(1).jpg

L’annuncio di Rohani

Poche ore fa, infatti, il presidente iraniano Mohammed Rohani ha annunciato che da domenica 7 luglio l’Iran è pronto ad arricchire l’uranioa qualsiasi livello che riterrà necessario“, quindi anche oltre il limite del 3,67 per cento. Questa soglia era stata stabilita dall’accordo del 2015. A questo livello di arricchimento il combustibile può essere usato soltanto per produrre elettricità e non per fabbricare ordigni. Una bomba necessita un livello superiore al 90 per cento. L’annuncio quindi significa che la Repubblica islamica non esclude di arrivare a livelli militari di arricchimento in futuro. Un’altra possibile mossa è il rilancio del reattore ad acqua pesante di Arak, in grado di produrre plutonio, un altro elemento per costruire bombe atomiche ancora più potenti.

L’accordo con l’Iran sul nucleare

L’intesa del 2015, accordo ribattezzato “5+1”, prevede da parte dell’Iran l’eliminazione delle riserve di uranio a medio arricchimento, il taglio del 98% delle riserve di uranio a basso arricchimento e la riduzione di due terzi delle sue centrifughe a gas per tredici anni. L’arricchimento di uranio è fissato appunto al 3,67%. In cambio, il Paese persiano ha ottenuto l’eliminazione delle sanzioni. Nel maggio 2018 gli Stati Uniti sono usciti dall’Accordo sul nucleare.

ultimo aggiornamento: 04-07-2019

X