Irlanda del Nord, scontri a Londonderry: muore una giornalista. La polizia indaga per terrorismo

Una giovane reporter è morta in Irlanda del Nord in seguito a violenti scontri tra i dissidenti repubblicani e le polizia.

LONDONDERRY – Torna la violenza in Irlanda del Nord, dove una giornalista di 29 anni è rimasta vittima di scontri avvenuti a Londonderry.

Disordini e spari

La reporter si trovava sul posto per riprendere i disordini tra dissidenti repubblicani e polizia quando è stata colpita da colpi d’arma da fuoco. Inutili i soccorsi, la giovane donna è morta subito dopo essere giunta in ospedale.


https://www.youtube.com/watch?v=CATGWSpQ5S8

“Atto terroristico”

Gli scontri sono scoppiati dopo alcune perquisizioni a opera della polizia nel quartiere di Creggan, a Londonderry. I manifestanti – secondo quanto riferisce la Bbc – hanno anche lanciato molotov contro le Land Rover della polizia. Il vice commissario capo della polizia dell’Irlanda del Nord Mark Hamilton ha detto che gli inquirenti considerano la sparatoria “un episodio terroristico” e hanno aperto un’inchiesta per omicidio.

La testimone

Leona O’Neill, collega della reporter, ha scritto che la donna è stata colpita ed è caduta mentre si trovava accanto a una Land Rover della polizia ed è stata portata dagli agenti in ospedale dove è morta. L’episodio è avvento alla vigilia del weekend pasquale nel quale i repubblicani dell’Irlanda del Nord commemorano la rivolta di Pasqua del 1916.

ultimo aggiornamento: 19-04-2019

X