L’Isis minaccia “vendetta” dopo la strage avvenuta in Nuova Zelanda. La Jihad esorta i musulmani a rispondere alla “guerra dei Crociati”.

La strage di venerdì scorso in Nuova Zelanda rischia di provocare altro sangue.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

L’Isis chiama alla Jihad

Su Telegram, infatti, diversi gruppi affiliati a Al Qaeda hanno postato immagini di fucili mitragliatori e bandiere dello Stato Islamico, parlando del massacro avvenuto nelle moschee di Christchurch come di “guerra dei Crociati” contro i musulmani e promettono di rispondere con il “linguaggio del sangue”.
Sul canale Telegram filo Isis Al-Asyaf Al Baghdadi, l’appello è “a versare il sangue dei Crociati”, mentre altri siti citati dal Site incitano ad attaccare “le chiese”.

Attentato Nuova Zelanda
Fonte foto: https://www.facebook.com/SkyTG24/videos

Le chiese a rischio

L’Isis ha promesso di vendicare la strage di fedeli musulmani avvenuta nelle moschee di Al Noor e al Centro Islamico di Linwood. Lo Stato islamico ha esortato i militanti a nuovi attacchi nelle chiese.
In Nuova Zelanda l’allerta resta sempre altissima: la polizia ha chiuso l’aeroporto di Dunedin dopo la segnalazione di un dispositivo sospetto.

La strage di Tarrant

La strage di venerdì 15 marzo a Christchurch ha provocato 50 morti: il bilancio è salito nelle ultime ore a causa del decesso di uno dei feriti più gravi. L’autore del massacro è Brenton Tarrant, un australiano di 28 anni, il quale si è autodefinito un suprematista bianco. Il killer, nel frattempo, è stato minacciato da gang locali, di cui alcuni membri sono detenuti. Un legale ha dichiarato che Tarrant dovrebbe essere messo in isolamento, in regime carcerario separato.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 18-03-2019


Piogge torrenziali in Papua, decine di morti

Morto Dick Dale, scrisse Miserlou, canzone icona di Pulp Fiction