Israele, blitz in Cisgiordania contro Hamas: arrestati 25 capi dell’organizzazione

Dopo le tensioni e le violenze degli ultimi giorni, Israele ha effettuato 25 arresti in Cisgiordania tra esponenti dell’organizzazione palestinese. Subito dopo, da Gaza è stato lanciato un missile, esploso in volo.

chiudi

Caricamento Player...

CISGIORDANIA – Le forze armate di Israele hanno compiuto un blitz in Cisgiordania contro Hamas, l’organizzazione palestinese che controlla politicamente e militarmente i Territori dell’Autorità Nazionale Palestinese. Gerusalemme ha messo le manette ai polsi a 25 membri, tra cui un deputato e cinque miliziani. L’azione rientra nel contesto delle misure straordinarie adottate dopo le violenze degli ultimi giorni. La reazione di Hamas non si è fatta attendere: poche ore dopo gli arresti, da Gaza è stato lanciato un missile diretto verso Israele. Fortunatamente, l’ordigno è esploso in volo.

Rischio nuova Intifada?

Nell’ultimo mese, in Medio Oriente le violenze sono riprese pesantemente. E il processo di pace si fa sempre più difficile. Attualmente, la tensione è tale che il rischio di un nuovo conflitto è dietro l’angolo. A giugno, una giovane agente di Polizia è stata assassinata, poi, pochi giorni fa, tre terroristi hanno aperto il fuoco nella Spianata delle Moschee: il bilancio ha visto due poliziotti uccisi e i tre attentatori abbattuti. Gli attacchi di Hamas hanno portato il Governo di Israele a adottare misure forti, come la chiusura della Spianata, target dei terroristi.