Israele e Hamas: ecco come si schierano i paesi occidentali
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Israele e Hamas: ecco come si schierano i paesi occidentali

bandiera israele su cartina

Leader globali enfatizzano il diritto di Israele alla difesa personale e sollecitano il rilascio degli ostaggi.

In un mondo in cui la minaccia del terrorismo si fa sempre più pressante, la posizione dell’Occidente si consolida attorno al diritto di Israele di proteggere i propri cittadini. Questo impegno transnazionale è stato recentemente ribadito dai leader di alcune delle principali potenze mondiali.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

bandiera israele su cartina
bandiera israele su cartina

Unanime condanna del terrorismo

Durante l’ultimo summit tenutosi al Cairo, la solidarietà occidentale nei confronti di Israele ha trovato una voce comune, nonostante le divergenze con le delegazioni dei Paesi arabi. I leader del G7, ad eccezione del Giappone, hanno rilasciato una dichiarazione congiunta, sottolineando l’impegno condiviso nel combattere il terrorismo. La dichiarazione evidenziava l’importanza di aderire al diritto internazionale umanitario, incluse le norme relative alla protezione dei civili, nel contesto del conflitto tra Israele e Hamas.

Un punto focale della discussione è stata la necessità di garantire la liberazione degli ostaggi. Il comunicato ha applaudito la liberazione di due ostaggi, esortando al contempo il rilascio immediato di tutti gli altri prigionieri. Questo riflette una crescente preoccupazione per la sicurezza dei cittadini, sia a livello nazionale che internazionale.

Richiesta di rilascio degli ostaggi

Il vertice ha anche visto l’annuncio di convogli umanitari destinati a fornire soccorso ai palestinesi a Gaza. I leader hanno ribadito la loro determinazione a garantire un accesso continuo e sicuro a risorse vitali come cibo, acqua e assistenza medica, in un impegno condiviso per alleviare le sofferenze umane.

Le parole del Ministro degli Esteri italiano, Antonio Tajani, hanno evidenziato l’importanza di ridurre le tensioni e prevenire l’ulteriore regionalizzazione del conflitto. L’Italia, insieme ad altri stati, continua a lavorare per una soluzione pacifica, enfatizzando al contempo il diritto inalienabile di Israele di difendersi.

Il dialogo e la cooperazione internazionale emergono come strumenti fondamentali per affrontare le sfide poste dal terrorismo e dai conflitti regionali. Nell’ambito di questi sforzi, la protezione dei diritti umani e la promozione della pace rimangono al centro dell’agenda globale, con l’obiettivo di garantire un futuro di stabilità e sicurezza per tutti.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 23 Ottobre 2023 12:58

Caso Giambruno: segnalato all’Ordine dei giornalisti, ecco il motivo

nl pixel