Israele andrà al voto per la terza volta in un anno. La Knesset è stata sciolta dopo il termine di mezzanotte per la formazione di un nuovo governo.

GERUSALEMME – Israele tornerà alle urne per la terza volta in un anno. Alla mezzanotte di ieri, infatti. è scaduto il termine di 21 giorni previsto dalla legge israeliana perché la Knesset formasse un nuovo governo.

Knesset sciolta

Il Parlamento si è dunque sciolto, ma i deputati sono rimasti a discutere fino a tarda notte il provvedimento che fissa modalità la data del voto. E’ stata infine confermata la data del 2 marzo 2020, già stabilita nei giorni scorsi dai due maggiori partiti, blu-bianco e Likud. Di norma la nuova consultazione, la terza in un anno, circostanza senza precedenti, avrebbe dovuto svolgersi il 10 marzo, che coincide però con la festa ebraica di Purim.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

https://www.youtube.com/watch?v=sZgbQnvvEL8

Israele, i risultati del voto di settembre

Il 17 settembre scorso Israele è tornato al voto a distanza di cinque mesi. Il partito Blu-Bianco di Gantz ha ottenuto 33 seggi alla Knesset, uno in più del Likud di Netanyahu, che ha perso ben sei scranni. Il parlamento è formato da 120 parlamentari, pertanto i due partiti maggiori devono dar vita a una vasta alleanza per arrivare alla maggioranza di 61 voti. Al terzo posto la lista araba con 13 eletti. Il movimento di Lieberman ha conquistato 8 parlamentari.

ultimo aggiornamento: 12-12-2019


Salva-Stati, M5s nel caos. Di Maio accusa la Lega: “Mercato delle vacche”

Ue, l’Italia resta ai margini: nei ruoli chiave non ci siamo