L’Istat rivede al ribasso il dato sul Pil relativo al 2018. Il governo continua a lavorare per il prossimo Documento di Economia e Finanza.

L’Istat rivede al ribasso il Pil per il 2018 evidenziando come la crescita sia stata pari allo 0,8%, lo 0,1% in meno rispetto ai dati diffusi nel mese di aprile, quando la crescita era stata stimata allo 0,9%.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

L’Istat rivede al ribasso il dato sul Pil relativo al 2018

In occasione della revisione generale, l’Istat ha rivisto i propri dati e purtroppo in maniera non positiva per l’Italia, già alle prese con una fase di stagnazione da cui sembra difficile uscire in tempi brevi.

Debito pubblico superiore alle stime. Ma la situazione migliora rispetto al 2017

Uno dei dati più preoccupanti è quello legato al debito delle amministrazioni pubblica. Il deficit sale al 2,2% (in aumento rispetto alle stime), ma rappresenta comunque un sensibile passo in avanti rispetto alla situazione relativa al 2017.

Istat
Fonte foto: https://www.facebook.com/IstatCensimentiGiornoDopoGiorno

Il governo al lavoro sul Documento di Economia e Finanza. E gli occhi dell’Unione europea sono puntati sul Pd e il Movimento Cinque Stelle

I dati sono al vaglio di Roberto Gualtieri, nuovo ministro dell’Economia. Il neo titolare del Mef, che ha sostituito Tria, è al lavoro con il premier Giuseppe Conte per mettere a punto una manovra economica che possa essere gradita al Pd, al Movimento Cinque Stelle e soprattutto all’Unione europea, che dopo lo slancio iniziale ha fatto sapere di non essere intenzionata a fare particolari concessioni al governo di Roma, che già naviga in acque decisamente poco sicure.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 23-09-2019


Aumento di capitale, Juventus crolla in Borsa

Asse Di Maio-Renzi contro le tasse di Conte (che strizza l’occhio alla CGIL)