Il tribunale delle famiglie è stato istituito nell’ambito della riforma della Giustizia. L’emendamento è stato votato in Commissione al Senato.

ROMA – Istituito il tribunale delle famiglie. In commissione al Senato il governo ha dato il via libera all’emendamento proposto dalla ministra Cartabia. Si tratta di una prima volta assoluta nel nostro Paese e sicuramente nei prossimi giorni si avranno maggiori informazioni su questo nuovo provvedimento.

Rossomando: “E’ un passo importante”

L’emendamento è stato commentato da Anna Rossomando (Pd). “L’istituzione del tribunale per la famiglia e i minori è un passo importante dopo l’unificazione del rito che aveva proposto il governo con i suoi emendamenti – ha detto l’esponente democratica riportata da RaiNews24permette anche di parificare realmente i diritti di tutti i minori, compresi quelli nati fuori dal matrimonio, assicurando tutte le garanzie. Come relatrici abbiamo raccolto e riformulato proposte presentate da questi gruppi“.

E ha aggiunto: “Il Partito Democratico si sta impegnando perché la procedura assicuri la tutela alle vittime di violenza, sia diretta che assistita”.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Tribunale
Tribunale

Tribunale delle famiglie, ecco di cosa si occuperà

Il Tribunale delle famiglie si occuperà di tutte le cause civili, penali e di sorveglianza dedicate ai minorenni, ma anche di materie riguardanti famiglia, separazione o il divorzio. Il nuovo provvedimento, approvato in Commissione a Senato, fa parte della riforma della giustizia ed entrerà in vigore definitivamente nelle prossime settimane.

Si tratta di un primo passo sicuramente importante. Il nuovo tribunale è stato voluto fortemente dalla ministra Cartabia e l’emendamento è stato sostenuto anche da parte della maggioranza. Nelle prossime settimane ci saranno maggiori informazioni e sicuramente c’è grande curiosità di conoscere la prima sentenza di questo nuovo tribunale. La riforma della Giustizia prende sempre più piede e presto ci saranno altre novità riguardante un provvedimento decisivo anche per rispettare le promesse fatte con l’Unione Europea.

ultimo aggiornamento: 09-09-2021


Il Crocifisso in aula non è discriminatorio, la sentenza della Cassazione

Femminicidio nel Cagliaritano, uomo uccide la moglie e poi si costituisce ai carabinieri