Ita è alla ricerca di personale in vista della partenza del prossimo 15 ottobre. Ecco come candidarsi.

ROMA – Ita è alla ricerca di personale. La partenza è stata fissata il prossimo 15 ottobre e la compagnia non ha nessuna intenzione di lasciarsi trovare impreparata. Per questo motivo la stessa azienda ha deciso di avviare una campagna di raccolte di candidature per le figure professionali da inserire successivamente nello staff.

Dipendenti che devono essere in linea con i valori e la strategia della compagnia. Un passaggio sicuramente importante per consentire alla stessa azienda di partire senza intoppi per quanto riguarda il personale.

Come candidarsi

La raccolta delle candidature è già iniziata e presto ci saranno le prime assunzioni. Per tutte le persone interessate, si dovranno inserire i propri dati personali sul sito web https//cving.com/ita-jobs, attraverso l’ausilio di innovative piattaforme digitali.

Non sono richiesti particolari requisiti. I candidati, però, dovranno essere muniti di Green Pass. L’azienda, infatti, ha deciso di attuare una politica di salvaguardia della salute dei dipendenti e dei clienti e per questo motivo bisognerà avere obbligatoriamente la certificazione verde. Si tratta di una misura che in futuro potrebbe creare delle polemiche anche se su questo tema sono attese a breve novità visto che il Governo non si è ancora pronunciato.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Alitalia
Alitalia

Ita pronta alla partenza

In attesa di definire gli ultimi accordi, Ita è pronta a partire. La data cerchiata in rosso sul calendario resta sempre del 15 ottobre e per quel giorno la compagnia non ha nessuna intenzione di lasciarsi trovare impreparata e per questo motivo ha avviato la ricerca del personale.

Nei prossimi giorni ci potrebbero già essere le prime assunzioni. Non è stato ancora reso noto il numero delle persone che dovranno entrare a far parte della compagnia e presto avremo delle novità importante anche su questa vicenda.


Conte difende il Reddito di Cittadinanza: “Ce l’hanno tutti in Ue, è una misura di civiltà”

Orlando, “Favorevoli a consentire che la quarantena Covid sia considerata una malattia”