Mondiali Volley 2018: l’Italia inizia la seconda fase con un successo. Azerbaigian battuta con un netto 3-0.

OSAKA (GIAPPONE) – L’Italia di volley femminile riprende da dove aveva lasciato. Nella prima partita della seconda fase le azzurre di Mazzanti superano con un netto 3-0 l’Azerbaigian e si confermano in vetta al girone. Il prossimo appuntamento per la squadra italiana è in programma domani 8 ottobre contro la Thailandia, una sfida che nasconde molte insidie.

Mondiali Volley 2018, netto il successo dell’Italia contro l’Azerbaigian

La sfida contro l’Azerbaigian nascondeva delle insidie per l’Italia che comunque è scesa in campo con la mentalità giusta per conquistare i tre punti. La differenza di qualità si è vista nel primo e nel terzo set dove le ragazze di Mazzanti hanno portato a casa dei parziali netti come 25-12 e 25-10. Un po’ più equilibrato il secondo, dove qualche problema in ricezione da parte delle azzurre ha permesso alle avversarie di stare davanti nella parte iniziale e in scia in quella centrale. Nella seconda fase dominio assoluto da parte di Chirichella e compagne che sono riuscite a guadagnare quel break decisivo per vincere il set con il parziale di 25-19.

In casa azzurra la migliore è stata Myriam Sylla con 17 punti. In doppia cifra anche Cristina Chirichella 13 e Paola Egonu 11.

Mondiali Volley 2018, Italia-Azerbaigian 0-3 (25-12 25-19 25-10)

Italia: Cambi 1, Malinov 2, De Gennaro (L), Chirichella 13, Danesi 7, Pietrini, Bosetti L. 6, Sylla 17, Egonu 11, Parrocchiale. N.E. Ortolani, Nwakalor, Fahr, Lubian. Coach Mazzanti

Azerbaigian: Azimova 2, Gurbanova 1, Aliyeva 7, Abulazimova 3, Hasanova 4, Samadova, Mammadova 4, Yagubova, Karimova (L), Rahimova 3, Alishanova. N.E. Kula, Imanova, Aliyeva. Coach Garayev

Arbitri: Caçador (Brasile) e Rodriguez Jativa (Spagna)

fonte foto copertina https://www.facebook.com/ConiNews/

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Formula 1, doppietta Mercedes a Suzuka. Hamilton davanti a Bottas, terzo Verstappen

Boxe, Nurmagomedov batte McGregor ma il titolo è in bilico per la rissa finale