Roberto Mancini in conferenza stampa: le parole del c.t. azzurro

Mancini sul VAR: “Siamo la Nazione delle polemiche”

Roberto Mancini in conferenza stampa: “Florenzi si è riposato. Balotelli? Credo sia più importante chiamarlo se lo merita”.

COVERCIANO (FIRENZE) – L’ultimo raduno dell’anno dell’Italia si è aperto con la conferenza stampa di Roberto Mancini. Diversi gli argomenti analizzati dal c.t. azzurro, iniziando dal VAR: “Siamo la nazione delle polemiche. E’ uno strumento che ha risolto diversi problemi ma gli arbitri sono stati messi in difficoltà dalle ultime novità. Poi a noi piace fare discussioni nel post gara. Non sono preoccupato anche se alcune cose vanno migliorate“.

Non può mancare un passaggio sulla questione Balotelli: “Mario sarà chiamato quando merita. Siamo nel 2020 e purtroppo si va ancora dietro il colore della pelle. Una mentalità non semplice da cambiare ma il calcio deve unire e non distruggere“. (I CONVOCATI)

Italia, la conferenza stampa di Mancini

Mancini si è soffermato anche su alcuni singoli: “Le scelte sono state coordinate anche con l’Under 21. Kean sta giocando poco, speriamo che trovi continuità. Per quanto riguarda la situazione di Florenzi non mi preoccupa. Io lo considero un giocatore importante. Zaniolo deve migliorare mentre Mancini a centrocampo può crescere anche se per noi è un difensore“.

Un pensiero sui nuovi arrivati: “In questi mesi li abbiamo seguiti perché noi guardiamo anche oltre l’Europeo. Orsolini lo conosciamo bene, Cistana e Castrovilli sono due profili molto interessanti e giovani. Vogliamo seguirli da vicino oltre che vederli la domenica“.

Roberto Mancini
fonte foto https://twitter.com/FIGC

Sulle prossime due gare

Conclusione finale sulle prossime due gare: “La qualificazione è in tasca ma c’è un percorso di crescita da completare e dobbiamo continuare a migliorarci. La partita con la Bosnia può essere un buon test. Loro non hanno possibilità di arrivare all’Europeo con il girone ma con le finali di Nations League. Giochiamo in uno stadio piccolo, dobbiamo fare bene. E poi c’è Palermo. Non penso che faremo test e per questo non ho voluto stravolgere i convocati“.

fonte foto copertina https://twitter.com/FIGC

ultimo aggiornamento: 12-11-2019

X