L’Italia delude ancora: a Torino la Macedonia strappa un pareggio per 1-1

La squadra di Ventura, passata in vantaggio con Chiellini nel primo tempo, si lascia riagganciare nel finale dai modesti rivali.

chiudi

Caricamento Player...

La maledizione spagnola continua. Quella gara che avrebbe dovuto consentire all’Italia di contendersi il primo posto con le Furie Rosse ha finito per demolire quanto di buono Ventura aveva fatto in questi due anni. Privi di cattiveria, di convinzione, a tratti di idee, gli Azzurri hanno quest’oggi “conquistato” un punto in casa contro la Macedonia, coraggiosa quanto modesta, mettendo a repentaglio anche la qualificazione ai playoff tra le migliori seconde. Un risultato che solo dodici mesi fa nessuno si sarebbe aspettato. Il pubblico di Torino ha accompagnato con i fischi l’uscita dal terreno di gioco degli Azzurri. La speranza è che possano servire a spingere il gruppo di Ventura verso una reazione che già dal prossimo impegno dovrà essere visibile agli occhi di tutti.

Italia-Macedonia: Trajkovski risponde a Chiellini

Inizio aggressivo dell’Italia di Ventura, vogliosa di rivalsa dopo gli ultimi deludenti risultati, ma lo sprint dei primi minuti si affievolisce presto senza portare a nulla di concreto. Senza creare pericoli eccessivi la squadra azzurra manovra cercando l’ispirazione negli uomini di maggior qualità, oggi un po’ in ombra. D’un tratto al 40′ la Nazionale riesce a trovare il vantaggio con Giorgio Chiellini, servito in area da Ciro Immobile. La rete sembra poter risvegliare gli Azzurri anche sul piano del gol, e invece la ripresa mette in mostra una Nazionale in versione assolutamente abulica, priva di spunti e coraggio. Rischiano in più occasioni gli uomini di Ventura, che finiscono al 77′ per concedere il pareggio alla vogliosa formazione macedone: assist al bacio di Goran Pandev per il palermitano Trajkovski, che con un bel diagonale di destro infila Gigi Buffon. Allo stadio Olimpico di Torino finisce così con un beffardo 1-1. L’Italia è aritmeticamente seconda nel proprio girone. Per la qualificazione ufficiale ai playoff manca un punto. Dare per certi gli spareggi ad oggi appare un eccesso di ottimismo.