Italia, Leonardo Bonucci a testa alta nel naufragio mondiale

I media “salvano” il capitano rossonero. Prestazione de leader, quella di Leonardo Bonucci contro la Svezia: il difensore non ha mai mollato.

chiudi

Caricamento Player...

Nel disastro azzurro si salvano in pochi. Soffermandoci sulla partita di ieri, ad esempio, la insufficienze fioccano. Il rossonero Leonardo Bonucci, invece, ha offerto una prestazione più che positiva, lottando (da vero leader) su ogni pallone nonostante la maschera al volto e un ginocchio acciaccato. Ecco il giudizio dei media italiani sulla prova dell’ex Juve.

Italia-Svezia, disastro azzurro: Ventura e soci fuori dal Mondiale

La Gazzetta dello Sport (voto 6) – Naso fratturato all’andata, ginocchio ballerino al ritorno. Bonucci alla Enrico Toti, lancia stampelle contro il nemico. Ha dato quel che ha potuto, ha sminato una brutta situazione nella ripresa.

Sport Mediaset (voto 6.5, il commento si riferisce a Bonucci e Barzagli) – Lottano come leoni sgomitando con gli svedesi senza lasciare un metro agli avversari. Se la Svezia non tira mai in porta è anche merito loro.

Corriere della Sera (voto 6) – Sotto la maschera c’è la voglia di non mollare: dopo un’ora la butta via. Peccato che butti via anche molti lanci. Importante un salvataggio nel finale.

Tuttosport (voto 6) – Al netto di qualche sbavatura in uscita, l’uomo mascherato gioca da regista aggiunto e piazza buoni cambi di campo. Rischia di infortunarsi in un contrasto ma stringe i denti e continua la partita con ferocia: al quarto d’ora della ripresa scaglia via la maschera per suonare la carica. Salva all’ultimo istante su contropiede al 35’ del secondo tempo.

Tuttosport si sofferma ulteriormente sui novanta minuti di Leonardo Bonucci, elogiando il capitano milanista per lo spirito messo in campo: “In una notte – si legge sul quotidiano torinese – ha cancellato tre mesi di difficoltà nel Milan, dove ancora fatica a ingranare la marcia giusta.  ieri sera no: ieri sera ha preso in mano la squadra, ha fatto girare il palone e si sono rivisti anche alcuni lanci che lo hanno portato a essere eletto tra i migliori difensori al mondo. ma soprattutto ha combattuto su ogni pallone volante contro i giganti svedesi nonostante la maschera per la frattura al naso rimediata venerdì a Stoccolma”.