Italia senz’acqua: dichiarato lo stato di emergenza a Parma e Piacenza

La crisi idrica che sta attanagliando il Paese è dovuta a mesi di siccità tra la fine del 2016 e il 2017.

Il Consiglio dei ministri ha dichiarato lo stato di emergenza nel territorio delle province di Parma e Piacenza per la mancanza d’acqua. Lo riferisce l’Ansa, secondo cui tale crisi idrica sarebbe dovuta a un lungo periodo di siccità iniziato nell’autunno del 2016 e aggravato dalle temperature estive di questi giorni. Per affrontare l’emergenza nelle due province emiliane sono stati stanziati 8 milioni e 650mila euro. Verrà assicurata inoltre alla popolazione acqua potabile, concedendo deroghe alle norme nazionali, in risposta alla richiesta della Regione.

Crisi idrica nel resto d’Italia

Se a Parma e Piacenza è stato dichiarato lo stato d’emergenza, non è certo più florida la situazione nel resto del Belpaese. In Piemonte il livello del Po è calato a -65% dal valore medio mensile storico. Le scarse precipitazioni e le temperature elevate stanno inoltre influenzando in maniera negativa i deflussi dei corsi d’acqua. A Roma la sindaca Raggi ha chiesto di limitare l’uso superfluo d’acqua, con un’ordinanza restrittiva riguardante l’innaffiamento di giardini e orti, il riempimento di piscine, il lavaggio dell’auto ecc., che rimarrà in vigore fino a settembre. Nella provincia di Avellino sono poi diverse le contrade rurali da giorni in piena emergenza idrica, con disagi per le popolazioni che vivono soprattutto nelle zone alte.

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 22-06-2017

Mauro Abbate

X