Ivan Gazidis: "Milan in alto prima di dieci-quindici anni"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Gazidis: “Milan in alto prima di 10-15 anni”

Gazidis: “Milan in alto prima di 10-15 anni”

L’amministratore delegato rossonero ha affrontato diversi argomenti nel corso dell’assemblea dei soci. Ecco le sue parole.

Milan, Ivan Gazidis è intervenuto nel corso dell’assemblea dei soci 2019. Ecco le dichiarazioni dell’amministratore delegato rossonero: “Sono convinto che possiamo raggiungere la meta se lavoriamo insieme, ripristineremo l’orgoglio del Milan. In primis voglio parlare della visione di Elliott per questo club. È una visione chiara e audace, che vuole riportare il Milan in vetta e vuole farlo non in 10-15 anni. Vuole farlo in modo tale che i tifosi siano orgogliosi”.

“So che ci vuole tempo – ha aggiungo il manager sudafricano – che sarà difficile e che noi dovremo cambiare atteggiamento, ma abbiamo una proprietà che vuole raggiungere il successo. È una sfida bella, unica nel calcio mondiale e che vedo come un’occasione unica di riportare in alto un gigante così importante per il calcio mondiale”.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Ivan Gazidis, dunque, è fiducioso: “Il Milan moderno è stato costruito sotto la guida di Berlusconi e Galliani, abbiamo più di 400 milioni di fan nel mondo e costruiremo su questa base il futuro. Il nostro nome è ancora rispettato in tutto il mondo. Stiamo stabilizzando il club a livello finanziario. Gli incrementi di capitale sono stati di 368 milioni e le perdite sono state di circa 200 milioni. In un periodo così difficile, abbiamo investito 135 milioni tra le sessioni invernali ed estive di calciomercato. Abbiamo portato persone che amano il club e sappiamo che non ci sono stati successi di recente, ma tutti vogliono lavorare per questo”.

L’obiettivo non cambia: riportare il Milan ai vertici del calcio europeo. “Abbiamo chiuso al quinto posto l’ultimo campionato – ha affermato Ivan Gazidis – e vogliamo di più. Siamo delusi dall’avvio. Stefano Pioli avrà tutto il nostro supporto. Abbiamo accettato un ban dall’Europa League e sappiamo che dobbiamo riportare il club in linea con il FFP, ma dobbiamo migliorare le nostre performance in campo. Dobbiamo tenere sotto controllo i costi e migliorare la squadra. Abbiamo una strategia chiara, investire su giocatori giovani che possano diventare top player. Adesso abbiamo il team più giovane della serie A e questo fa parte della strategia, ma non vuol dire che non investiremo in leader per la crescita come fatto con Higuain: lo faremo di nuovo, se sarà necessario”.

Bernard Arnault Ivan Strinic Frederic Massara Nemanja Matic Maurizio Ganz Frederic Massara Ozan Kabak Gaston Pereiro Boban Casa Milan Costacurta Giocondo Martorelli Theo Hernandez Boban
Fonte foto: https://www.facebook.com/GianlucaDiMarzio/

Ivan Gazidis: “Teniamo sotto controllo il mercato”

Maldini e Boban stanno facendo un ottimo lavoro. Siamo tutti impazienti, io il primo, ma ci vuole tempo. È l’unico modo che abbiamo per crescere. Se bruceremo soldi su giocatori in declino, non solo peggioreremo i conti, ma andremmo a peggiorare anche la parte sportiva. Stiamo intraprendendo una strada difficile, che porterà il club alla solidità finanziaria e con una squadra che avrà un futuro”.

“Abbiamo investito nelle infrastrutture per il club, che sono fondamentali per la crescita commerciale. Stiamo ampliando il team commerciale, per potenziare delle aree come il merchandising e che ci permetta di avere maggior introiti. Stiamo investendo nel digitale. Questo investimento vuole avvicinare la comunità al club. Elliott si sta prendendo un impegno ingente per il Milan e per la città con il nuovo stadio. Tutto questo serve a finanziare una squadra che torni ad alti livello. Ci sono scetticismo e paura e capisco le perplessità se i risultati sportivi non arrivano. Anche se noi potremo commettere degli errori, Elliott è fermamente concentrato sulla sua visione e, nonostante le voci e i rumos, avremo successo”.

Una considerazione anche sugli ingaggi dei giocatori: “Abbiamo un monte ingaggi alto per i giocatori, che genera perdite. Dobbiamo riportare sotto controllo il monte ingaggi e migliorare le performance. Dobbiamo riprendere una mentalità vincente e deve essere una cosa comune in tutto il club. Teniamo sotto controllo il mercato, controllando i conti. Nel mercato di gennaio, di solito, non mi piace essere molto attivo ma, a volte, si rende necessario intervenire”.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 28 Ottobre 2019 18:42

La bomba di Wanda Nara: “Icardi al Milan? C’era la possibilità”

nl pixel