James Michael Tyler è morto all’età di 59 anni. L’attore è conosciuto per aver interpretato Gunther in ‘Friends’.

LOS ANGELES (STATI UNITI) – Lutto nel mondo del cinema. E’ morto all’età di 59 anni dopo una grave malattia James Michael Tyler, conosciuto da tutti come Gunther di Friends. Come riportato da Il Giorno, la notizia è stata data dal suo manager nella giornata di lunedì 25 ottobre 2021.

L’attore ormai da circa tre anni stava combattendo con un cancro alla prostata (diagnosticato nel 2018) che successivamente si è diffuso alle ossa.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

James Michael Tyler morto

La notizia della scomparsa dell’attore, come precisato dal quotidiano italiano, è stata data dal suo manager. “Tyler – si legge nella nota – è morto pacificamente nella sua casa di Los Angeles. Se lo avete visto almeno una volta vi siete fatti un amico per sempre […]“.

Volendo aiutare un grande numero di persone – ha aggiunto il manager in questo breve comunicato – ha deciso di condividere la sua storia con l’obiettivo di convincere le persone con problemi alla prostata a fare un esame del sangue già a 40 anni“.

Cinema
Cinema

Chi era

L’attore è conosciuto soprattutto per aver interpretato Gunther, il manager della caffetteria di Central Park in Friends. Un vero e proprio simbolo di questa sit-com tanto che gli stessi autori lo hanno definito come una persona “dolce e gentile. Il suo spirito unico ha catturato la nostra attenzione ed eravamo sicuri di farne un personaggio”.

Ma nella sua lunga carriera ha ricoperto ruoli anche in altri lavori che sono molto piaciuti in Italia come Sabrina, Vita da Strega e Ombre dal passato. Una scomparsa che lascia un vuoto incolmabile nel mondo nel cinema internazionale e sicuramente nei prossimi mesi non si esclude un evento per ricordare l’artista conosciuto da tutti come Gunther di Friends.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 25-10-2021


Covid, terza dose di vaccino per tutti? “Scenario verosimile”

Assolta l’ex infermiera di Lugo. Poggiali torna libera