Milan, si lavora al mercato di gennaio: Jankto e Pellegri nel mirino

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Appena conclusa la sessione estiva del calciomercato, i dirigenti del Milan pensano già a gennaio. Jankto e Pellegri sono in cima alla lista dei desideri rossoneri.

L’ultimo giorno di calciomercato ha visto il Milan piazzare un colpo in uscita, cedendo Niang al Torino, ma senza nessun altro tesseramento, fermandosi all’acquisto di Kalinic. Tuttavia, Fassone e Mirabelli hanno posto le basi per un paio di colpi già in vista di gennaio, alla riapertura del mercato: nelle ultime ore del 31 agosto, infatti, i dirigenti di via Aldo Rossi hanno avuto contatti molto stretti con le società di Udinese e Genoa. Nel mirino del club rossonero ci sono infatti Jankto e Pellegri.

Centrocampista ceco

Per quanto riguarda Jakub Jankto, il Milan ha provato a prendere il mancino classe ’96 già entro le 23 di giovedì. Tuttavia, come ricorda La Gazzetta dello Sport, il poco tempo a disposizione per la trattativa ha convinto l’Udinese a trattenere il centrocampista della Repubblica Ceca, anche perché non ci sarebbe stata la possibilità di sostituirlo immediatamente. Per gennaio, in ogni caso, i rossoneri sono in pole, avendo di fatto prenotato il 21enne. Al primo anno di Serie A, Jankto ha avuto un impatto notevole, andando a segno 5 volte. Mancino di piede, l’ex Ascoli è in grado di giocare sia come interno che come esterno sinistro.

Talento azzurro

Nelle stesse ore, il Milan ha sorpassato tutte le concorrenti – in particolare l’Inter – nella corsa a Pietro Pellegri. L’attaccante in forza al Genoa è un classe 2001 ma si è già in messo in mostra con le giovanili rossoblu, oltre a fare l’esordio in Serie A, mettendo a segno una rete contro la Roma. Il 16enne è un centravanti dal fisico importante, essendo alto ben 191 centimetri. Alla riapertura del mercato, pertanto, il Milan tenterà l’affondo con Preziosi per assicurarsi le prestazioni del talento azzurro.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 02-09-2017

Fabio Acri