Calciomercato: beffa Inter, Milan al palo

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Tutti pazzi per Jakub Jankto: Milan al lavoro ma in affanno, l’Inter prova a chiudere.

Continua il tira e molla tra Inter Milan che continuano a darsi battaglia sul mercato per provare a portare a casa Jakub Jankto, talentuoso centrocampista dell’Udinese che di fatto ha fatto innamorare i maggiori club europei.

Jankto, Udinese disposta a vendere?

L’impressione è che l’Udinese possa alla fine decidere di vendere a gennaio il suo giocatore più prezioso. Jankto ha mercato e potrebbe consentire ai friulani di fare cassa. Da qui al termine della stagione un infortunio o un’involuzione potrebbe far calare a picco il costo del cartellino, ipotesi di certo non gradita ai bianconeri. Il risvolto della medaglia è ovviamente dato dal fatto che cedere Jankto a gennaio significherebbe disputare metà campionato senza il proprio uomo migliore. Molto dipenderà insomma dalle ambizioni della dirigenza e dalla voglia che hanno di scommettere sulla stagione in corso.

Il Milan ci prova per Jankto ma il momento non aiuta

Da questa estate su Jankto è forte l’interesse del Milan. Massimiliano Mirabelli aveva provato a portare in rossonero già negli ultimi giorni della scorsa sessione di mercato. Il poco tempo a disposizione e la ricerca di un attaccante hanno poi fatto tramontare la trattativa facendo perdere ai rossoneri il vantaggio accumulato sulle altre pretendenti. Nelle ultime settimane i rossoneri avrebbero tentato un nuovo affondo, ma i risultati ottenuti dalla squadra di certo non aiutano.

Inter in vantaggio per Jankto

Al momento la squadra in vantaggio per Jankto è l’Inter. Il giocatore piace molto a Luciano Spalletti per la sua intensità e per le sue doti tecniche. Il tecnico dei nerazzurri avrebbe chiesto ai suoi dirigenti di provare a chiudere la trattativa per battere sul tempo l’Arsenal, pronto a mettere sul piatto 20 milioni di euro.

Ricevi le ultime notizie sul Milan, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 09-12-2017

Nicolò Olia