Jeep, la Renegade Plug-in verrà prodotta nell'impianto di Melfi

Jeep, la Renegade Plug-in verrà prodotta a Melfi: al via i lavori all’impianto

La Jeep Renegade Plug-In affiancherà la FIAT 500 X nelle linee di produzione dell’impianto lucano in cui FCA investirà complessivamente 200 milioni di euro, tra infrastrutture, tecnologia e formazione del personale.

Nell’impianto SATA di Melfi sono partite le operazioni di adeguamento tecnologico e strutturale che permetteranno alle linee di produzione dello stabilimento lucano di assemblare la Jeep Renegade in versione ibrida plug-in. In una nota stampa ufficiale, il Gruppo ha reso noto che“lo stabilimento FCA di Melfi in Italia ha iniziato le attività propedeutiche alla produzione della Jeep Renegade Plug-in Hybrid Electric Vehicle (PHEV, veicolo ibrido elettrico plug-in), il cui lancio sul mercato è previsto nella prima parte del 2020. La Renegade PHEV sarà prodotta a Melfi insieme alla Renegade e alla 500X con motore a combustione interna già attualmente in produzione presso lo stabilimento.”

Un investimento da 200 milioni per la Jeep Renegade ibrida

L’arrivo dei primi modelli pre-serie è annunciato per il 2019. Per le modifiche all’impianto di Melfi, il Gruppo ha messo in atto un investimento da 200 milioni di euro, all’interno dei quali vi sono anche le risorse necessarie sia alla formazione del personale che dovrà utilizzare le nuove tecnologie sia all’ammodernamento dell’impianto. “Le oltre 742.000 Renegade prodotte in Italia dal momento del lancio ad oggi” – ha commentato Pietro Gorlier, responsabile delle attività europee del Gruppo FCA – “fanno di Melfi il luogo ideale e della Renegade il prodotto perfetto per il lancio di un nuovo modello di Phev che amplierà l’offerta per un veicolo che sta riscuotendo grande successo“.

La scelta rientra in un progetto strategico ben preciso, delineato dal piano industriale al 2022 presentato il primo giugno 2018. Tra le linee guida del business plan, oltre al potenziamento di brand come Alfa e Jeep, vi è anche un forte orientamento ad ampliare la gamma di modelli elettrici di tutti i marchi del gruppo.

Jeep Renegade Plug-In
Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/69929929@N06/36794664596

La svolta verso l’elettrico nel nuovo business plan di FCA

Pertanto, non stupisce le scelta di unire lo slancio verso l’elettrico con un modello di successo come la Jeep Renegade (prodotto di punta di uno dei marchi in ascesa nel nostro paese tra quelli che operano sotto l’egida di FCA). La versione ibrida plug-in segue il lancio sul mercato di un altro modello con lo stesso tipo di alimentazione, la Chrysler Pacifica Minivan. In aggiunta, sul pick-up Ram 1500 è stata introdotta la tecnologia e-Torque mild-hybrid già ad inizio dell’anno.

L’obiettivo a lunga scadenza, ovvero entro la fine del piano industriale appena inaugurato, è quello di riuscire a proporre una gamma di trenta diversi modelli con alimentazione elettrica (ibrida, plug-in o full electric) grazie anche all’impiego di architetture globali. Per l’impianto FCA Melfi si tratta di una notizia importante dopo lo stop alla produzione della FIAT Punto arrivato nelle prime settimane di agosto.

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/69929929@N06/42350373480

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/69929929@N06/36794664596

ultimo aggiornamento: 08-10-2018

X