Jeffrey Epstein ricoverato: trovato in gravi condizioni in cella

Caso Epstein, il finanziere tenta il suicidio in carcere?

Jeffrey Epstein ha tentato il suicidio?. Il finanziere è stato trovato semicosciente nella sua cella. Le condizioni sono gravi.

NEW YORK (STATI UNITI) – Attimi di paura nel carcere di New York per Jeffrey Epstein. Il finanziere – indagato per traffico sessuale e transazioni sospette – è stato trovato semicosciente nella sua celle con diverse ferite al collo.

Le sue condizioni sembrano essere molto gravi ma le autorità locali preferiscono mantenere il massimo riserbo sulla vicenda, almeno fino a quando non si hanno prove sui motivi di questo accoltellamento. Diverse le piste che sono al vaglio degli inquirenti. Non si esclude l’ipotesi suicidio ma neanche quella di un aggressione che poteva avere come obiettivo quello di ucciderlo. Nelle prossime ore le autorità locali potrebbero ascoltare Epstein per ricostruire la vicenda.

Ambulanza
Ambulanza

L’inchiesta

Jeffrey Epsein è indagato per traffico sessuale e transazioni sospette. Il finanziere è stato arrestato il 6 luglio 2019 dopo l’arrivo negli Stati Uniti dalla Francia. Il reato contestato potrebbe portarlo ad una condanna all’ergastolo per “avere creato una rete per sfruttare sessualmente ed abusare decine di ragazze minorenni“.

Non è la prima volta che Epstein viene coinvolto in un caso simile. Già nel 2008 aveva ricevuto una condanna in Florida per incitamento alla prostituzione. In quel caso, però, se l’era cavata con un patteggiamento e una condanna ad un anno.

La richiesta di scarcerazione

Dopo il fermo i suoi legali avevano avanzato la richiesta di libertà su cauzione rigettata dal Tribunale Federale di Manatthan. Gli avvocati, infatti, avevano chiesto la misura cautelare ai domiciliari nella lussuosa residenza del quartiere americano.

Secco il no da parte dei giudici che hanno ribadito la permanenza in cella di Epstein almeno fino al processo. Il gesto estremo del finanziere potrebbe essere riferito a questa sentenza ma non è da escludere una possibile aggressione.

ultimo aggiornamento: 25-07-2019

X