L’imprenditore culinario Joe Bastianich ha deciso di investire sulla cannabis.

L’ex giudice di Masterchef tra i mille progetti che ha, ha deciso di puntare sulla cannabis entrando a far parte di FlowerFarm, uno dei più grandi coltivatori italiani. Joe Bastianich promette che presto la cannabis sarà protagonista in cucina. Mentre nel nostro paese si dibatte ancora sulla legalità di questa pianta, l’imprenditore americano mostra i suoi benefici anche nei nostri piatti.

Sarà al centro delle sue ricette la cannabis: “E’ un altro degli utilizzi di questa straordinaria pianta. La cannabis ha ottime qualità organolettiche che la rendono un vero e proprio healthy food” dichiara Batianich in un’intervista a Repubblica. L’ironico personaggio tv, insieme ai suoi soci, i fondatori di Flower Farm sta formulando una serie di prodotti di food e beverage a base di cannabis e le sue proprietà nutritive. “Non posso svelarvi ancora molto. Ma ne sentirete parlare presto” promette Bastianich.

Joe Bastianich
Joe Bastianich

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

“La cannabis è il futuro”

Ma non solo food per la cannabis. L’imprenditore ha appena lanciato una linea di skincare che si chiama Flower Bloom. I cristalli di Cbd – il principio attivo legale della cannabis “agiscono in sinergia con ingredienti idratanti, rigeneranti e antietà come l’acido ialuronico e le cellule staminali ricavate da uva acerba” spiega Bastianich. “I cristalli di Cbd hanno virtù antiossidanti che permettono alla pelle di mantenersi idratata luminosa e in salute”.

A differenza dell’Italia, in America il mercato della cannabis è già legalizzato da tempo e Bastianich ha analizzato gli effetti positivi che questo fenomeno ha avuto sia sull’economia sia sulla società. Per questo motivo ha colto l’occasione di investire nella cannabis anche perché le condizioni climatiche del nostro paese lo rendono il posto ideale per la coltura della pianta.

Per Bastianich non si tratta solo di un business vincente ma anche di benessere riconosciuto dalla comunità scientifica internazionale. E poi c’è il tema della sostenibilità. “Credo sia un prodotto naturale tra i più versatili e sostenibili possibili”. Per l’imprenditore questa pianta rappresenta il futuro.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 22-06-2022


Emiplegia: gli ultimi progressi dell’intelligenza artificiale

Siccità: riemersa antica città dalle acque