John Andretti è morto all’età di 56 anni. All’ex pilota nel 2017 era stato diagnosticato un cancro al colon. Una battaglia che non è riuscito a vincere.

ROMA – Grave lutto nel mondo dei motori. E’ morto all’età di 56 anni John Andretti, ex pilota della Nascar e vero talento delle quattro ruote. Il decesso è avvenuto nella serata di giovedì 30 gennaio 2020 anche se le sue condizioni erano peggiorate negli ultimi giorni. Il cancro al colon (diagnosticato nel 2017) lo ha sensibilmente consumato con un quadro clinico diventato molto grave in questo primo mese del nuovo decennio.

Chi era John Andretti

Nato nel 1963 negli Stati Uniti, il nome di John Andretti (nipote del grande Mario) sarà sempre legato alla Nascar. Diciassette anni al volante dei suoi bolidi fino al 2010 quando ha deciso di appendere il casco al chiodo. Nonostante quasi 400 gare, le vittorie sono state solo due.

Ma non sono mancate altre competizione come per esempio la Indy (1 vittoria) e la 500 Miglia di Indianapolis con 12 partecipazioni e un quinto posto come migliore risultato. Insomma, una leggenda nell’automobilismo americano e non solo. Nelle prossime ore saranno diversi gli ex colleghi che andranno ad omaggiare John.

John Andretti morto

Le condizioni dell’ex pilota sono peggiorate drasticamente nella primavera del 2017 per un cancro al colon. Da qui è iniziata una lunga battaglia che lo aveva portato ad una prima vittoria l’anno dopo con il ‘nemico’ sconfitto.

Un successo durato poco visto che qualche mese dopo il tumore è tornato e questa volta è rimasto. Il lungo ciclo di terapie, infatti, non ha permesso alla malattia di essere debellata. E il quadro clinico nei primi giorni del 2020 è peggiorato in modo drastico tanto da obbligare ad un ricovero. La morte è sopraggiunta il 30 gennaio con il mondo dei motori che perde uno dei protagonisti principali del secolo scorso.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/AndrettiAutosport/


Hells Angels: la storia, i club italiani e gli eventi per il 2020

Cina ‘chiusa’ per virus, anche il Gran Premio di Shanghai a rischio