John Hume è morto all’età di 83 anni. Nel 1998 è stato insignito del premio Nobel per la pace.

LONDRA (INGHILTERRA) – E’ morto all’età di 83 anni John Hume, premio Nobel per la pace 1998. Un riconoscimento arrivato per il suo ruolo nell’accordo del Venerdì Santo fra cattolici, indipendentisti e protestanti filo-britannici. Un accordo che ha portato alla fine dei Troubles, i trent’anni di guerra civile che hanno portato alla morte di oltre 3mila persone.

Una scomparsa che lascia un vuoto incolmabile nel mondo irlandese (e non solo) con molte persone che lo andranno ad omaggiare nelle prossime ore.

Chi era John Hume

John Hume è stato un politico sempre molto conosciuto in Irlanda. Per oltre vent’anni ha guidato la SDLP ed è stato membro sia del Parlamento Regno Unito e di quello europeo.

Incarichi che lo hanno potato ad avere un ruolo importante nella negoziazione nel 1998 fra cattolici, indipendentisti e protestanti filo-britannici. Trattativa che ha portato, alla fine, ad un accordo e alla conclusione della guerra civile che durava da ormai trent’anni. Un negoziato che ha consentito al politico di ottenere il premio Nobel per la pace.

SH_ambulanza
SH_ambulanza

John Hume morto

La morte di John Hume è stata accolta con molto dolore dal mondo politico britannico. “E’ stato un gigante della politica, un leader visionario che si è rifiutato di credere che il futuro debba per forza ripetere il passato. Ha dato contributo epico alla pace in Irlanda del Nord e verrà perciò giustamente sempre ricordato“, l’omaggio di Tony Blair citato da La Repubblica.

Per tutta la vita – ha aggiunto Trimble – ha esortato la gente a cercare di raggiungere i propri obiettivi pacificamente“. Un impegno che lo ha portato a vincere il premio Nobel per la pace nel 1998, ma soprattutto a scrivere il suo nome nella storia. Una scomparsa che lascia un

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca John Hume Premio Nobel per la pace troubles

ultimo aggiornamento: 03-08-2020


Fondi Lega, riflettori puntati su 39 bonifici sospetti

Senegalese insultato e picchiato in spiaggia. Il figlio prova a fermare il genitore: “Qui c’è posto per tutti”