John Madden è morto all’età di ottantacinque anni. Lo ha reso noto la Nfl con un comunicato nel quale non sono state specificate le cause del decesso.

È morto all’età di 85 anni John Madden, ex allenatore di football americano che negli Usa era una vera e propria leggenda. Il suo nome resterà per sempre legato agli Oakland Raiders, portati al successo nel 1977 con la vittoria del Super Bowl in una storica partita disputata ad inizio gennaio.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Morto John Madden, stella del Football americano

La notizia della scomparsa dell’ex allenatore e commentatore televisivo è stata comunicata dalla NFL, la lega nazionale di Football, che però non ha riportato quelle che sono state le cause del decesso. “Nessuno amava il football più di Coach“, sono le parole di Roger Goodell, commissario della NFL “Non ci sarà mai un altro John Madden e saremo per sempre in debito con lui per tutto ciò che ha fatto per rendere il football e la NFL quello che è oggi“.

Ambulanza
Ambulanza

Chi era

John Madden è stato uno dei migliori allenatori nella storia del Football americano. Nel 1977 ha conquistato il Super Bowl con gli Oakland Raiders incidendo il suo nome nella leggenda di questo sport. Lasciò la carriera da allenatore a soli 42 anni, e questo è un dato abbastanza curioso. Lasciata la panchina, Madden passa al microfono diventando uno dei commentatori televisivi più apprezzati.

Il nome di Madden è conosciuto anche dagli amanti dei videogiochi. Il videogame targato EA sul Football americano porta proprio il nome di John Madden

Mi chiedono sempre se sono un coach, un commentatore o il tizio dei videogame. Sono un coach, sono sempre stato un coach“, aveva dichiarato Madden parlando del suo successo e delle sue attività. Sicuramente è stato e sarà per sempre una leggenda di questo sport.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 29-12-2021


Da Solange a Lina Wertmuller passando per Galeazzi e Carrà: i personaggi famosi morti nel 2021

Atp Cup in Australia, Djokovic non ci sarà