Johnny Pacheco è morto nel New Jersey a 85 anni. Il ‘padre’ della salsa si è spento per una polmonite.

WASHINGTON (STATI UNITI) – Lutto nel mondo della musica. E’ morto all’età di 85 anni Johnny Pacheco, considerato da tutti il padre della salsa. La notizia della scomparsa è stata data dalla famiglia e riportata dall’Ansa.

L’artista da giorni era ricoverato nel New Jersey per una polmonite. Le condizioni sono peggiorate nelle ultime ore e il decesso è avvenuto nella mattinata di martedì 16 febbraio. Una scomparsa che lascia un vuoto incolmabile nel mondo della musica e della salsa.

Chi era Johnny Pacheco

Nato a Santiago de los Caballeros, Johnny Pacheco si è trasferito a New York insieme alla sua famiglia quando ancora era molto piccolo. Terminati gli studi alla Juilliard Arts School, l’artista ha iniziato la sua lunga carriera nel mondo della musica.

Il grande successo è arrivato con la band Pacheco y Su Charanga. Con il passare degli anni, l’artista è diventato un vero e proprio punto di riferimento per la salsa insieme a Celia Cruz, Hector Lavoe e Willie Colon. La sua esperienza in questo mondo lo ha portato a comporre più di 100 canzoni e la casa discografica Fania Records. Tra i brani più conosciuti El Faisan e Quitate tu.

Ambulanza
Ambulanza

Johnny Pacheco morto

La notizia della scomparsa dell’artista è stata data dalla famiglia nella giornata di martedì 16 febbraio. Il padre della salsa da tempo era ricoverato nel New Jersey per una polmonite. Condizioni peggiorate nelle ultime ore e i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso.

L’ultimo saluto si svolgerà nel rispetto delle norme anti-Covid. La famiglia nelle prossime settimane potrebbe organizzare un evento per ricordare il grande artista. Sono molte, infatti, le persone pronte ad omaggiare il maestro della salsa scomparso all’età di 95 anni dopo il ricovero per una polmonite.

Covid, l’aggiornamento del Piano Vaccini


Varianti Covid, le nuove indicazioni del Ministero sui test rapidi antigenici

Migliorano le condizioni di Valerio Massimo Manfredi