Johnny Solinger è morto all’età di 55 anni. Il cantante era affetto da una grave insufficienza epatica.

ROMA – Lutto nel mondo della musica. E’ morto all’età di 55 anni Johnny Solinger, conosciuto da tutti per essere il cantante degli Skid Row al posto di Sebastian Bach dal 1999 al 2015. La notizia della scomparsa è stata data dalla moglie Paula circa 48 ore dopo il decesso (avvenuto il 26 giugno).

Johnny è morto – si legge nel post social riportato dal Corriere della Seragli tenevo la mano. Se ne è andato in pace. Grazie a tutti. Mi prenderò una pausa da tutto. Sappi che sarò per sempre grata per il tuo amore”.

La malattia

Le condizioni di salute del cantante si erano aggravate lo scorso maggio quando gli avevano diagnosticato un’insufficienza epatica. Per pagare le cure l’artista aveva dato vita ad un crowfunding per i fan.

E’ con il cuore pesante – si leggeva sui profili social di Solinger – che vi devono informare sulla mia salute. Sono stato ricoverato per un mese e mi è stata diagnosticata un’insufficienza epatica. E la prognosi non è così buona. Come la maggior parte dei musicisti non ho un’assicurazione sanitaria ed è molto difficile ricevere cure adeguate senza di essa“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Ambulanza
Ambulanza

Chi era Johnny Solinger

Nato il 7 agosto 1965 in Texas, Johnny Solinger si è fatto conoscere dal pubblico internazionale dopo il suo ingresso nel gruppo Skid Row. Sedici anni di lunga collaborazione con diversi album pubblicati. Nonostante l’uscita avvenuta nel 2015, la band non ha mai dimenticato il cantante e con un post ha voluto ricordare l’artista.

“Stiamo rattristati nell’apprendere la notizia – si legge in un breve comunicato – i nostri pensieri vanno alla sua famiglia, agli amici e ai fan. Goodspeed Singo. Saluta Scrappy (il soprannome del defunto nonno del cantante) per noi”. E nelle prossime settimane non si esclude un evento per ricordare l’artista.


Variante Delta, come potrebbero cambiare le regole per il Green Pass

La variante Delta potrebbe non causare la perdita dell’olfatto (e sarebbe più difficile da intercettare)