Juncker attacca: l’Italia non mantiene la parola data

Juncker a Le Monde: “Non siamo i mostri freddi rinchiusi in un bunker. Le autorità italiane sono libere nelle loro scelte ma devono rispettare le regole”.

Nuovo attacco da parte del presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker all’Italia. Intervenuto ai microfoni di Le Monde, uno dei principali detrattori della manovra economica varata dal governo italiano ha invitato Salvini, Conte, Tria e Di Maio a rispettare le regole per non mettere a repentaglio la stabilità dell’Unione europa.

Jean Claude Juncker a Le Monde: “Non ho nulla contro l’Italia, tutto il contrario. La amo”.

Ai microfoni di Le Monde, Juncker ha respinto le tante accuse ricevute dal governo italiano in queste settimane e ha sottolineato di non essere intenzionato a ostacolare la crescita del Paese.

Il presidente della Commissione europea ha però sottolineato la necessità che il governo rispetti le regole per non mettere a repentaglio la stabilità dell’Unione europea.

Non ho nulla contro l’Italia, tutto il contrario: la amo. Che si smetta di descriverci come dei mostri freddi, rinchiusi in un bunker, insensibili all’appello dei popoli – ha dichiarato Juncker. Le autorità italiane sono libere nelle loro scelte, nel reddito minimo o nella fiscalità delle aziende. Devono tuttavia rispettare le regole per non mettere in pericolo la solidarietà europea“.

Juncker
Fonte foto:https://www.facebook.com/JunckerEU/

Manovra, nessun passo indietro da parte del governo italiano

Nonostante i moniti, i vertici del governo italiano hanno fatto sapere di non essere intenzionati a rivoluzionare la manovra. Come confermato anche dal premier Conte da Addis Abeba, non si esclude che il programma possa subire delle modifiche (costruttive) che però non cambieranno la natura e la portata del provvedimento.

ultimo aggiornamento: 12-10-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X