Jean-Claude Juncker, ha rilasciato un’intervista nella quale si è detto sicuro che al termine del suo mandato l’Ue sarà ancora in piedi. E lancia il monito contro i populisti…

Jean-Claude Juncker si appresta all’ultimo anno come presidente della Commissione Ue. Dall’1 novembre 2019, infatti, il politico lussemburghese terminerà il suo mandato alla guida dell’Unione Europea. Il 64enne di Redange ha rilasciato un’intervista al Welt am Sonntag. “L’Unione Europea non crollerà alla fine del mio mandato – ha detto Juncker –, non c’è alcuna ragione di disperarsi, anche se è legittimo preoccuparsi“.

COSA PREVEDE LA LEGGE ANTITRUST EUROPEA
https://pixabay.com/it/bandiera-dell-unione-europea-eu-2313980/

Contro i populisti

Juncker ha messo in guardia dai populismi che attraversano tutta l’Europea: “I partiti tradizionali non diventino l’eco dei populisti. A camminare sui passi dei demagoghi si finisce per mostrare solo la propria schiena. Alle affermazioni dei populisti si opponga la verità: bisogna metterli ai piedi del muro mostrando che sanno solo fare rumore, ma non hanno nessuna soluzione concreta da offrire ai problemi nazionali. Elezioni? E’ reale temere che ci siano dei tentativi illeciti di pesare sulle elezioni europee; invito tutti i Paesi Ue a opporre un fronte unito ai troll e ai gruppi di hacker di Cina o Russia“.

Dubbi sulla Romania

Poi, il presidente della Commissione Ue ha espresso un giudizio alquanto critico nei confronti della Romania, Paese che si appresta a assumere la presidenza di turno del Consiglio Europeo: “L’azione prudente richiede disponibilità ad ascoltare gli altri e un forte desiderio di mettere da parte le proprie preoccupazioni. Ho qualche dubbio a questo proposito: il governo romeno non ha compreso appieno cosa significhi presiedere i Paesi dell’Ue“.

Il successore

Circa il nome del suo successore (favorito il tedesco Manfred Weber), infine, Juncker non si sbilancia: “Non sono il tipo che fa sparate“, ha dichiarato annunciando che al termine del mandato si dedicherà alla vita privata.


Parigi, addio a Georges Loinger: eroe della resistenza

Migranti, appello dalle ONG in mare: dateci un porto sicuro