Juve, Allegri: “Ora inizia la stagione vera, domani test importante”

L’allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri, ha parlato stamane in conferenza stampa in vista della gara di campionato contro il Chievo.

chiudi

Caricamento Player...

“Ora inizia la stagione vera”. Massimiliano Allegri carica i suoi in vista della sfida di campionato contro il Chievo Verona, in programma domani allo Stadium (fischio d’inizio alle 18). Il tecnico bianconero, alla vigilia del match, ha parlato in conferenza stampa. Ecco le sue dichiarazioni, riportate da Premium Sport: “Il Chievo è una squadra ben organizzata, che da tanti anni fa risultati importanti in Serie A. Noi domani dobbiamo ripartire con i tre punti. È un test importante per noi”.

Serie A, terza giornata: Juventus-Chievo all’Allianz Stadium

Nel corso della classica chiacchierata con i tifosi, Allegri ha parlato anche della formazione che scenderà in campo domani: “Khedira è fuori, Marchisio è in fase di ripresa e rientrerà presto. Chiellini è out e speriamo di averlo col Barcellona, Cuadrado credo sia rientrato, Dybala, invece, ieri ha fatto lavoro differenziato. Gli altri hanno lavorato tutti bene. A Higuain la mancata convocazione ha fatto bene dal punto di vista fisico e mentale. In porta gioca Szczesny. Barzagli sarà a disposizione. Howedes sta bene e si sta adattando ai nuovi metodi di lavoro, dovrò valutare oggi. Matuidi gioca. Ha sempre giocato con ogni allenatore e quello è il dato più importante per un giocatore. Bernardeschi al posto di Dybala? Non lo so, potrebbe giocare anche Douglas Costa“.

Una considerazione anche sul VAR: “È uno strumento importante e utile, devono decidere per cosa va usato e in che direzione vogliamo andare nel calcio. Ad esempio a Genova ci sono stati due episodi dove si sono persi sei minuti e il tempo recuperato è stato di soli tre minuti. Credo che la tecnologia sia importante per episodi oggettivi”. E sull’esclusione di Lichtsteiner dalla Champions: “Mi è dispiaciuto escluderlo, ho dovuto fare delle scelte tecniche. Lasciare fuori dei giocatori è sempre molto difficile”.