Buffon: “Scritto un altro pezzo di storia”. E Bonucci non ha dubbi: “Le altre squadre vogliono evitare la Juventus”

La gioia juventina viaggia sui social. Da Massimiliano Allegri a Gigi Buffon, i protagonisti bianconeri hanno twittato la loro soddisfazione dopo lo 0-0 del Camp Nou: “Il prossimo mese e mezzo – ha postato il tecnico della Juventus – è più importante degli otto precedenti: lavorando come abbiamo fatto finora vi e ci regaleremo altre emozioni!”. Altro giro, altro messaggio di soddisfazione, stavolta firmato Buffon: “Un altro pezzo di storia è stata scritta. Ma la più bella è sempre quella che dovrà essere ancora raccontata”.

Barcellona Juventus, bianconeri in semifinale

Dal web alle parole del post-partita. Leonardo Bonucci ha commentato così, ai microfoni di Premium Sport, la sfida di Barcellona: “Abbiamo fatto la partita che dovevamo. Sapevamo che loro avrebbero giocato alti, rischiando qualcosa dietro. Siamo stati bravi a restare uniti e compatti, merito anche del grande lavoro di Mandzukic e Cuadrado, che hanno corso molto: è stata una prova di grande sacrificio e grande umiltà. Siamo stati bravi a chiudere tutti gli spazi, poi ci è mancato l’ultimo passaggio. Ora dovremo fare un altro passo per arrivare a Cardiff”.

“Grande gruppo, le altre semifinaliste vorranno evitarci”

E adesso la Juventus fa paura: “È aumentata la consapevolezza nei nostri mezzi – ha evidenziato Bonucci – siamo una grande squadra, che affronta tutte le partite alla stesso modo, sia che in campo ci sia il Pescara, con tutto il rispetto, o che ci sia il Barcellona. Chi vorrei in semifinale? Credo che la domanda vada fatta alle altre, che non ci vorranno incontrare. Ora la Juve fa paura, quindi una vale l’altra. Ce la giocheremo con le due squadre di Madrid o con il Monaco, che sulla carta sembra la squadra più facile ma che in realtà ha dimostrato di essere molto forte”.

Juventus

ultimo aggiornamento: 20-04-2017


Milan, accordo raggiunto con Musacchio: ora il Villarreal

Allegri esalta la Juve: “Non è la stessa di Berlino”