Juventus, Allegri: “Vietato sbagliare con la Fiorentina”

L’allenatore bianconero ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della partita di campionato contro i viola. Ecco le dichiarazioni di Allegri.

chiudi

Caricamento Player...

Vietato sbagliare. Massimiliano Allegri avvisa i suoi in vista della sfida contro la Fiorentina, in programma domani sera allo Stadium. Alla vigilia del match, il tecnico bianconero ha parlato in conferenza stampa. Ecco le sue dichiarazioni, riportate da SportMediaset: “Con la Viola non possiamo e non dobbiamo sbagliare. È presto per fare bilanci, per lo scudetto serviranno 90 punti”.

Serie A, quinta giornata: la Juventus affronta la Fiorentina allo Stadium

Possibile chance dal primo minuto per Federico Bernardeschi: “Non è presto per vederlo titolare. Può iniziare dall’inizio o entrare a partita in corso. In questo momento – ha evidenziato Allegri – i cambi diventano determinanti, perché altrimenti rischio di fondere i giocatori già all’inizio della stagione. Domenica ha fatto bene, sia in fase di possesso che di non possesso. Deve abituarsi, perché giocare nella Juve è diverso”.

Contro la Fiorentina, Allegri si affiderà al turnover: “Qualcosa cambierò. Di sicuro gioca Szczęsny. È uno dei migliori portieri al mondo, può giocare nelle prime otto squadre d’Europa. Sarà l’erede di Buffon. Chiellini potrebbe riposare. Khedira sta progredendo dei lavori, ma serviranno altri dieci giorni perché sia a posto. Devo vedere come stanno tutti. L’importante è che la squadra non subisca contraccolpi”.

Si passa all’analisi dei singoli, a cominciare da Gonzalo Higuain: “Ha giocato quattro partite e ha fatto 2 gol. Succede a tutti gli attaccanti di non segnare, è successo anche Dybala l’anno scorso. Non so se giocherà domani, non ho ancora deciso. Comunque sia, Gonzalo è un giocatore importante per la Juve. Pjanic sta crescendo molto, soprattutto a livello mentale. Perde molti meno palloni. Le qualità le aveva, aveva solo bisogno di maturare. Douglas Costa? Ha avuto un momento di ambientamento. In Italia si lavora diversamente. Ha preso confidenza con i compagni, somani può partire dall’inizio, ma non ho deciso”.