Juventus, Buffon sul ritiro: “Volevo chiudere con il Mondiale…”

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Il capitano della Juventus, Gianluigi Buffon, sul ritiro forse imminente: “A 40 anni è giusto fare un passo indietro“.

Gianluigi Buffon, capitano della Juventus ed ex (?) della Nazionale, ha parlato ancora una volta del suo ritiro, forse imminente. In una lunga intervista a Maurizio Costanzo, il portierone si è raccontato come calciatore e come uomo. Queste alcune delle sue dichiarazioni, riportate dalla Gazzetta dello Sport: “Sono stati giorni molto difficili quelli dopo la Svezia. Volevo chiudere la carriera con il Mondiale, perché penso che sarebbe stata l’occasione più bella per ricordare e onorare la mia carriera. Purtroppo non è andata così, ma penso anche che a quarant’anni io debba fare determinate dichiarazioni, perché è giusto fare un passo indietro, è anche una questione di sensibilità, visto che sono sempre stato un punto di forza delle mie squadre e non vorrei mai diventare un peso“.

Buffon sul ritiro: “Non voglio diventare un peso. Il mio erede? Donnarumma

Il portiere della Juventus ha quindi designato il proprio erede: “Per doti e inizio carriera Gigio Donnarumma è il portiere che in questo momento è sulla bocca di tutti in maniera meritata. Ma ci sono anche due o tre ragazzi che secondo me sono partiti un anno o due più indietro rispetto a lui e sono di grande prospettiva. Ritiro? Non posso dire bugie o creare false aspettative o false illusioni. La verità è che devo incontrare il presidente col quale abbiamo questo patto tra gentiluomini prima della fine del campionato. Faremo il punto della situazione e prenderemo la scelta definitiva. La verità è che un giocatore non vorrebbe mai smettere di giocare“.

Buffon su Calciopoli e calcioscommesse

Tra le pagine più brutte della sua carriera, Calciopoli e l’inchiesta sul calcioscommesse. Buffon: “Calciopoli mi ha fatto tantissimo male. Sono stato gratuitamente infangato due volte e su un aspetto fondamentale per me, la lealtà sportiva. La cosa che mi ha fatto soffrire di più è il calcioscommesse, senza ombra di dubbio. Sono state due vigliaccate mirate a uno sportivo e a un uomo che non se le meritava assolutamente. Non porto rancore nei confronti di nessuno, però se dovessi rivedere certe persone un pochino mi innervosirei…“.

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 14-02-2018

Mauro Abbate