Juventus e Allegri: tra crisi e speranza di riscatto
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Juventus e Allegri: tra crisi e speranza di riscatto

Massimiliano Allegri

La crisi della Juventus e il futuro di Allegri: analisi della situazione attuale e delle possibili mosse per salvare la stagione.

Il periodo pasquale si preannuncia complicato per i tifosi della Juventus, dopo la sconfitta contro la Lazio, il clima attorno alla squadra di Massimiliano Allegri è decisamente teso. La debacle romana non solo ha allontanato i bianconeri dal secondo posto in classifica, ma ha anche acceso i riflettori su una serie di prestazioni sottotono che durano da mesi. Con solamente una vittoria nelle ultime nove partite e un totale di punti pari a quello delle precedenti due stagioni sotto la guida di Allegri, il confronto con il passato diventa inevitabile e porta con sé interrogativi sul futuro dell’allenatore.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Juventus: l’ultima striscia negativa

I numeri non mentono: la Juventus ha concluso il mese di marzo senza alcuna vittoria, ricordando le difficoltà già vissute nella stagione 1998-99. Quell’anno, il ko contro il Parma portò alle dimissioni di Marcello Lippi. Oggi, più che cercare colpevoli, è fondamentale trovare soluzioni. La qualificazione alla Champions League, considerata quasi scontata all’inizio della stagione, ora sembra un traguardo lontano, mettendo a rischio non solo l’aspetto sportivo ma anche quello economico del club, soprattutto alla luce del nuovo format della competizione che promette ricavi importanti.

Il futuro di Allegri in bilico

Nonostante la posizione di Allegri appaia sempre più precaria, il club non ha ancora ufficialmente messo in discussione il suo ruolo. La fiducia, seppur vacillante, è stata confermata dall’ad Scanavino solo pochi giorni fa. Tuttavia, la pressione è palpabile e i tifosi chiedono un cambio di rotta immediato. I giocatori, dal canto loro, cercano di mantenere un atteggiamento positivo, supportando il loro allenatore e invitando alla coesione in questo momento difficile.

In campo, Allegri rimane ottimista, sottolineando l’importanza di lavorare sodo senza indulgere nell’autocommiserazione. I prossimi impegni saranno cruciali per determinare il destino stagionale della squadra. Con la semifinale di Coppa Italia contro la Lazio e la partita di campionato contro la Fiorentina all’orizzonte.

Il futuro dell’allenatore toscano resta incerto, con la possibilità di un esonero che verrà valutata solo a fine stagione. Intanto, si specula sulla possibilità che Thiago Motta possa succedergli, nonostante il suo attuale impegno con il Bologna. Per la Juventus, il momento è di riflessione e di impegno: ci sono ancora due mesi per invertire la rotta e salvare una stagione che rischia di trasformarsi in un vero e proprio calvario.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 31 Marzo 2024 17:22

Juventus: il misterioso silenzio di Giuntoli

nl pixel