L’amministratore delegato della Juventus, Beppe Marotta, ai microfoni di Sky ha confermato che non ci saranno ulteriori colpi in entrata

Beppe Marotta, amministratore delegato della Juventus, chiude il mercato in casa bianconera. Intervistato da Sky Sport 24, il dirigente ha parlato così: “Posso dire che siamo molto contenti e orgogliosi di avere Higuain con noi. E’ un campione e sta dimostrando tutte le sue qualità. Il nuovo modulo ci fa offrire uno spettacolo gradevole anche per gli appassionati di calcio. Non potremo utilizzarlo sempre, ma un allenatore intelligente come Allegri saprà fare le sue valutazioni di gara in gara. Mercato? Abbiamo fatto quello che dovevamo fare, siamo contenti della rosa che abbiamo a disposizione, il ruolino di marcia risponde appieno ai nostri programmi: primi in classifica, in corsa in Champions e Coppa Italia, stiamo macinando record negli ultimi cinque anni“.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Marotta: “Non abbiamo provato a prendere Paredes

Il direttore generale bianconero ha quindi svelato alcuni dettagli sul mercaro della Juventus di questi ultimi giorni: “Luiz Gustavo e Paredes non abbiamo provato a prenderli per via del nuovo modulo e perché siamo completi anche in quel reparto. Orsolini? Crediamo molto nel made in Italy, ritengo che il panorama calcistico giovanile sia molto fertile di campioncini e grandi promesse. Siamo riusciti ad accaparrarci diversi giovani, anche se la concorrenza è aumentata. Mercato di giugno? Ci sono stati accostati duecento giocatori nell’ultimo mese. La nostra rosa è importante, non è facile trovare giocatori da Juventus. Se possiamo migliorare lo facciamo, ma siamo soddisfatti così“.

Dybala-Allegri, caso chiuso

Infine, Marotta ha parlato di Dybala, vicino al rinnovo con i bianconeri: “Ci siamo confrontati con il suo entourage, penso che non ci saranno problemi ad annunciarlo tra qualche settimana. Quando c’è un rapporto contrattuale va considerato anche il rapporto che si è creato. Lui è contento di noi, noi di lui, e quindi ci sono le premesse per continuare insieme. La mancata stretta di mano di ieri? Sono situazioni che si verificano su tutti i campi in tutte le categorie. Queste piccole dinamiche devono essere risolte all’interno dello spogliatoio, la società non è intervenuta“.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

Juventus

ultimo aggiornamento: 30-01-2017


Juventus, Higuain: “Con l’Inter ci giochiamo un pezzo di scudetto”

Ufficiale: Ocampos passa al Milan in prestito fino a giugno