Serie A, Juventus-Roma 1-0: l’ex Benatia regala i tre punti ad Allegri

La sintesi e il commento di Juventus-Roma, ultimo match della diciottesima giornata del campionato di Serie A.

chiudi

Caricamento Player...

Juventus-Roma decreta l’ennesimo salto in avanti dei bianconeri, che rispondono al Napoli riportandosi a un solo punto di distanza, e staccando momentaneamente Inter e Roma. In un match combattuto, forse anche più di quanto ci si potesse immaginare, la squadra di Allegri passa, sciupa ma rischia come poche altre volte capitato in stagione. Senza dover ricorrere a Dybala e Douglas Costa i bianconeri riescono comunque a portare a casa tre punti di straordinaria importanza. Per la Roma invece un passo falso in termini di classifica, ma non certo dal punto di vista del gioco. La squadra di Di Francesco ha infatti dimostrato di poter lottare con le migliori ed essere tra le protagoniste di questo campionato fino alla fine. Sempre che riesca a risolvere l’annoso problema del gol che non riesce ad arrivare con la semplicità di un tempo.

Juventus-Roma

Pronti via, la Juve prende fin da subito il possesso della gara. Dopo soli diciotto minuti gli uomini di Allegri trovano il vantaggio con uno degli ex della gara, Mehdi Benatia: il centrale marocchino prima centra la traversa con un bel colpo di testa, poi dopo un miracolo di Alisson ribadisce in rete da pochi passi. La Roma fatica a reagire nei minuti successivi, ma col passare del tempo la gara si immette sui binari dell’equilibrio. Nella ripresa la Juve cerca con insistenza il gol del raddoppio, lo sfiora in un paio di circostanze ma lascia il pallino del gioco alla squadra di Di Francesco. Cresce inesorabilmente la Roma, che nella fase finale chiama più volte Szczesny a interventi di media difficoltà, colpendo anche una traversa con Florenzi. In pieno recupero è però la Juve ad andare più vicina alla seconda rete, colpendo a propria volta una clamorosa traversa con un altro grande ex, Miralem Pjanic. C’è il tempo all’ultimo minuto per un errore clamoroso di Benatia che lancia Schick a tu per tu con Szczesny, ma l’attaccante ex Samp spara centrale sul portiere in uscita, sciupando la più ghiotta delle occasioni.