Juventus: le strategie di Allegri senza Chiesa e Vlahovic
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Juventus: le strategie di Allegri senza Chiesa e Vlahovic

Massimiliano Allegri

Scopri le strategie di Max Allegri per la Juventus in vista della sfida contro il Milan. Con Chiesa e Vlahovic in dubbio.

La Juventus si avvicina alla sfida contro il Milan con molte incertezze. L’allenatore bianconero, Max Allegri, si trova di fronte a una situazione complicata, soprattutto nel reparto offensivo. Le condizioni di Chiesa e Vlahovic sono ancora in bilico, rendendo la trasferta a San Siro una vera e propria sfida.

Come fare soldi? 30 idee semplici per guadagnare

Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri

Emergenza infortuni: Chiesa e Vlahovic in dubbio

Chiesa aveva già saltato la partita contro il Torino, ma sembrava pronto per tornare in campo con la Nazionale. Tuttavia, ha scelto di tornare a Torino per precauzione. D’altra parte, Vlahovic, convocato dalla Serbia, ha preferito rimanere fuori per recuperare dall’infortunio. Le ultime parole di Giuntoli al Festival dello Sport lasciano sperare in un possibile rientro di Vlahovic, ma la situazione rimane incerta.

Kean e Milik: la coppia d’attacco per il Milan?

Con le possibili assenze di Chiesa e Vlahovic, Allegri potrebbe puntare su Kean e Milik come coppia d’attacco. Kean, dopo una buona prestazione con la Nazionale contro Malta, potrebbe essere la scelta ideale. Milik, invece, nonostante una prestazione non brillante con la Polonia, rimane una soluzione valida.

Miretti e Yildiz sono altre due opzioni che Allegri potrebbe considerare. Miretti ha già dimostrato di poter giocare in attacco, mentre Yildiz potrebbe essere una sorpresa, avendo già sostituito Kean in passato.

In conclusione, la sfida contro il Milan sarà cruciale per la Juventus. Allegri ha diverse soluzioni a sua disposizione, ma la speranza è che almeno uno tra Chiesa e Vlahovic possa essere disponibile.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 16 Ottobre 2023 18:14

Antonio Conte: “L’addio di cui mi pento maggiormente è quello alla Juventus”

nl pixel