L’ex campione rossonero ha parlato ai microfoni di Sky Sport del suo possibile futuro nuovamente al Milan.

Dopo il ritorno alla vittoria del Milan di Montella contro l’Austria Vienna, ha parlato ai microfoni di Sky Sport l’ospite d’onore della serata, Ricardo Kakà: “È un piacere essere a San Siro in una serata così, il Milan ha fatto una grande partita, ha giocato proprio bene. Ha subito questo gol all’inizio ma è riuscito a vincere. Essere qui stasera è un’emozione indescrivibile, andare in città in questi giorni mi ha ricordato tante situazioni della mia vita. Il rapporto con questa maglia e questa società non lo so spiegare. Devo sistemare la mia situazione professionale, devo decidere se giocare ancora un anno o no. Non volevo decidere durante la stagione, ho staccato un po’. Sta facendo dei viaggi, giro un po’ in Europa, prendo con calma questa decisione. Se decidessi di non giocare più ci sarebbe il Milan, le porte sono aperte per questo progetto e il rapporto con questa squadra è bellissimo“.

Kakà: “Bisogna sostenere questa società, è solo al primo anno

L’ex fantasista rossonero ha quindi proseguito: “Questo Milan è un Milan giovane che deve crescere, deve maturare. Giocare un torneo europeo per tanti di questi ragazzi è già una cosa importantissima. Certo che tutti voglio vedere il Milan tornare protagonista in Italia e in Europa. Tra i talenti di oggi dico che il migliore è André Silva, che ha tutto per diventare un grande in futuro. Sarebbe stato bene anche nel mio Milan. Futuro di questa società? La prima cosa da dire è che tutti hanno gli stessi obiettivi, portare il Milan a tornare protagonista. La strada intrapresa vedremo se è quella giusta, ma dico ai tifosi di crederci. Questo è il primo anno di questa nuova società, bisogna sostenerla e crederci, poi vedremo“.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Andrè Silva calcio copertina Kakà milan

ultimo aggiornamento: 23-11-2017


Mirabelli su Kakà: “Avrà sempre la porta aperta al Milan”

Lazio, Simone Inzaghi: “L’unica nota stonata l’infortunio di Nani”