Kessié, come te non c’è nessuno!

L’importanza di chiamarsi Kessié: l’ivoriano fa cinque su cinque, nessuno come lui in Italia.

chiudi

Caricamento Player...

Arrivato all’Atalanta forse con meno clamore di quanto avrebbe meritato, Kessié è stato in grado di rapire il cuore dei tifosi rossoneri in pochi giorni per la sua determinazione, la sua abnegazione e il suo apporto in campo: corre, fa a spallate, cuce il gioco e disfa quello avversario. Sempre difeso dalle critiche della stampa, il Milan ha trovato la sua perla nera, capace di mettersi alle spalle compagni di reparto ben più esperti e quotati. Anche Vincenzo Montella ci ha messo poco a comprendere l’importanza del giocatore e gli ha cucito addosso una maglia da titolare che sembra quasi impossibile da strappargli via.

Milan-SPAL live
Db Milano 02/10/2016 – campionato di calcio serie A / Milan-Sassuolo / foto Daniele Buffa/Image Sport
nella foto: Vincenzo Montella

Kessié fa cinque su cinque: nessuno come lui in Serie A

Nelle prime cinque giornate di campionato Kessié è sceso in campo dal primo minuto cinque volte senza mai essere sostituito a partita in corso. Su dieci partite, considerate anche le gare di Europa League, l’ivoriano ha disputato nove gare su dieci diventando una colonna portante del nuovo Milan. In quasi tutte le sue apparizioni, come se non bastasse, il giocatore ha mantenuto livelli di rendimento impressionanti. Qualcuno lo critica per qualche errore di troppo in fase di disimpegno, Vincenzo Montella, intelligente, se lo tiene stretto così com’è. Giovane e devastante.