Porto Rico, ucciso Kevin Fret: il primo trapper gay sudamericano

Tragedia in Porto Rico. A San Juan il trapper gay sudamericano, Kevin Fret, è rimasto ucciso in un agguato mentre era in sella al suo motorino.

SAN JUAN (PORTO RICO) – Tragedia a San Juan. Come riportato dalla BBC, in un agguato è rimasto ucciso Kevin Fret, il primo trapper sudamericano ad aver fatto coming out. Gli inquirenti sono al lavoro per cercare di individuare i responsabili di questo omicidio. Ad confermare il decesso è stato anche il manager del cantante, citato da Sky TG24: “Non ci sono parole – dichiara – per descrivere il dolore che proviamo di fronte alla scomparsa di una persona che nutriva così tanti sogni. Dobbiamo restare uniti in questi tempi difficili e pregare per la pace nella nostra amata Porto Rico“.

Kevin Fret
Kevin Fret (fonte foto https://twitter.com/Carol_Parks10)

Kevin Fret ucciso in Porto Rico, colpito alla testa e all’anca

La vicenda è stata ricostruita dalla BBC. All’alba di giovedì 10 gennaio 2019 Kevin Fret stava ritornando a casa a bordo della sua moto quando è stato affiancato dai killer che hanno sparato otto colpi. Colpito all’anca e alla testa, per il cantante non c’era più niente da fare. I sanitari lo hanno portato d’urgenza in ospedale ma era troppo tardi ed è morto poco dopo.

Gli inquirenti sono sulle tracce di un secondo uomo che era con l’artista nel momento della sparatoria ma sparito poco dopo. Al momento non c’è una pista ben precisa con gli inquirenti. Per le autorità questo omicidio non potrebbe avere un preciso movente, visto che negli ultimi tempi a San Juan il numero delle sparatorie in strada sono aumentati e parlano di una crisi di violenza.

Una vicenda che ha sconvolto l’intera città di San Juan visto che il ragazzo di 24 anni era molto conosciuto non solo nel centro cubano ma in tutta la nazione.

fonte foto copertina https://twitter.com/Carol_Parks10

ultimo aggiornamento: 11-01-2019

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X