Iraq, assalto a Mosul: l’esercito assedia la città in mano all’Isis

E’ scattata alle prime luci del giorno l’offensiva dell’esercito iracheno per riprendere Mosul. La città è sotto il controllo dell’Isis: gli jihadisti usano i civili come scudi umani.

chiudi

Caricamento Player...

IRAQ – L’esercito iracheno ha iniziato da poche ore l’attacco finale al cuore di Mosul, la città più importante del Paese dopo Baghdad. Il centro è situato nel nord dell’Iraq e è considerato strategico sia a livello di comunicazioni sia per la presenza di ricchi giacimenti di petrolio. Mosul cadde sotto lo Stato Islamico nell’estate del 2014 allorché l’Isis conquistò l’area centro-settentrionale del Paese e buona parte della Siria. Proprio da qui, il 29 giugno di tre anni fa al-Baghdadi proclamò la rinascita del Califfato. La bandiera nera sventola sul minareto gobbo della moschea, simbolo della città e del sunnismo radicale dei salafiti jihadisti.

L’ingresso nel centro storico

Le forze speciali, l’esercito e la polizia federale stanno prendendo parte all’operazione“, ha dichiarato il generale Abdul-Amir Rasheed Yar Allah, comandante delle operazioni terrestri nella provincia di Ninive. Nel centro storico di Mosul, in quadrato di due chilometri, ci sono asserragliati circa 5-600 miliziani jihadisti che secondo l’Onu usano i civili (molte migliaia, ndr) come scudi umani, sparando su chiunque cerchi di scappare.

La battaglia di ottobre

L’operazione appena iniziata quest’oggi rappresenta il culmine dell’offensiva che ebbe inizio il 16 ottobre scorso, quando circa 80 mila uomini dell’esercito, delle milizie sciite e dei Peshmerga curdi hanno affrontato dai 6 agli 8 mila jihadisti trincerati in quella che era una metropoli di due milioni di abitanti. Poi, nel febbraio 2017, le truppe fedeli a Baghdad hanno accerchiato e conquistato l’aeroporto di Mosul che era stato fortificato dallo Stato Islamico. Dall’aeroporto, l’esercito iracheno ha potuto passare all’offensiva verso i quartieri occidentali della roccaforte jihadista. La riconquista del controllo di Mosul da parte delle forze lealiste è considerata cruciale per abbattere il potere dell’Isis nell’area.