Alla scoperta di Deborah Compagnoni: la sciatrice azzurra che ha scritto la storia di questo sport nonostante sia stata vittima di molti infortunio.

ROMA – Deborah Compagnoni è il classico esempio di un’atleta che non ha mollato mai nonostante i tanti infortuni che hanno rischiato di compromettere una carriera vincente. Ma la sciatrice è sempre andata avanti per la sua strada e i risultati le hanno dato ragione. Andiamo alla scoperta di questa atleta che ha scritto pagine di storia dello sport italiano.

Deborah Compagnoni sciatrice: il dominio azzurro dal 1993 al 1999

Nata a Bormio il 4 giugno del 1970, Deborah Compagnoni è cresciuta con gli sci ai piedi visto che ha trascorso la sua infanzia a San Caterina Valfurva, rinomata località sciistica. Le qualità dell’azzurra si sono intraviste sin da piccola quando tra i 16 e i 17 anni vinse ben tre medaglie ai Mondiali juniores.

La sua carriera rischia di terminare a soli 18 anni quando un brutto infortunio la mise fuori causa, seguito da un blocco intestinale che mise a rischio la sua vita. Deborah si è rialzata per la prima volta e la stagione successiva vinse i campionati italiani in tutte e quattro le specialità di questo sport.

La crescita della Compagnoni non si è fermata e soli 21 anni vinse la sua prima medaglia d’oro alle Olimpiadi. Ad Albertville ha trionfato nel Super Gigante. L’euforia del successo durò solamente poche ore, visto che il giorno seguente il ginocchio ha fatto ancora una volta crack.

La parola arrendersi non esiste nel vocabolario di Deborah che si è messa subito al lavoro per recuperare e alle Olimpiadi del 1994 ha conquistato il suo secondo titolo a Nakano, questa volta nello Slalom Gigante. Da questo momento in poi c’è stato un dominio in campo internazionale da parte della Compagnoni ha conquistato due mondiali consecutivi in questa specialità. Il 1997 fu un anno magico per l’azzurra visto che ha vinto anche l’oro nello Slalom Speciale e la Coppa di specialità del Gigante.

L’ultimo grande successo è arrivato l’anno successivo quando ha conquistato il suo terzo titolo olimpico, prima atleta nella storia a conquistare tre medaglie d’oro in tre edizione diverse della competizione. Al termine della stagione del 1999 decise di appendere gli sci al chiodo per dedicarsi alla famiglia.

Di seguito il video dedicato a Deborah Compagnoni, vincitrice di tre ori olimpici

Deborah Compagnoni: marito, figli e vita privata

Subito dopo il ritiro decise di sposare il suo compagno Alessandro Benetton. I due hanno avuto tre figli: Agnese (17 agosto 2000), Tobias (15 gennaio 2003) e Luce (16 dicembre 2006).

Al termine della sua carriera agonistica fondò con alcuni amici l’associazione, Sciare per la vita, dedicata alla lotta contro la leucemia.

Deborah Compagnoni
Fonte foto: https://www.facebook.com/DeborahCompagnoni/

Cinque curiosità su Deborah Compagnoni

Ora andiamo a scoprire cinque notizie curiose su Deborah Compagnoni:

• Nel 2006 fu la penultima tedofora delle Olimpiadi Invernali di Torino.

• È stata nominata Goodwill Ambassador dell’UNICEF Italia.

• Tra le sue imprese ricordiamo il distacco 3″41 inflitto alla seconda nello Slalom Gigante di Park City del 1997.

• Tra il 1994 e il 1998 ha conquistato tutti i titoli disponibili tra Olimpiadi e Mondiali nello Slalom Gigante.

• Le è stata intitolata la pista di San Caterina di Valfurva.

Di seguito il video con la discesa di Deborah Compagni ai Mondiali del Sestriere del 1997

Fonte foto: https://www.facebook.com/DeborahCompagnoni/

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Deborah Compagnoni olimpiadi people Sci

ultimo aggiornamento: 04-06-2018


Tanti auguri Angelina Jolie, la grande bellezza di Hollywood

Tanti auguri ad Alberto Malesani, l’ultimo tecnico italiano a vincere la Coppa UEFA