Tra 2.000 e 4.000 soldati russi sono stati uccisi durante l’invasione dell’Ucraina , ha detto il capo della CIA, William Burns, riferisce Reuters

Il diplomatico veterano, ex ambasciatore degli Stati Uniti a Mosca, ha anche affermato che gli Stati Uniti hanno fatto un'”intensa condivisione di informazioni” con l’Ucraina, inclusi i dettagli della pianificazione militare russa e hanno continuato a farlo quotidianamente.

Era improbabile che Vladimir Putin si tirasse indietro, ha detto Burns, ma nemmeno la CIA vedeva come il presidente russo potesse raggiungere facilmente il suo obiettivo di prendere Kiev e sostituire il governo del presidente Volodymyr Zelenskiy con una leadership pro-Mosca o fantoccio.

La stima della CIA sul bilancio delle vittime russe va ben oltre la cifra di quasi 500 morti in azione fornita dal ministero della Difesa russo sei giorni fa.

Burns ha detto:

Penso che Putin sia arrabbiato e frustrato in questo momento. È probabile che raddoppierà e cercherà di schiacciare l’esercito ucraino senza riguardo per le vittime civili

Il Capo della CIA stava parlando a un’audizione del comitato dell’intelligence della Camera dei rappresentanti insieme ad altri funzionari dell’intelligence.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 08-03-2022


Leva obbligatoria per gli italiani? La lettera del ministero è un fake

Bloccato da un anno in Sudan, finalmente Marco tornerà in Italia