La Corea del Nord ha deciso di non partecipare a Tokyo 2020 a causa della pandemia. Frena la strada diplomatica per la ripresa del dialogo con gli Usa.

PYONGYANG – Niente Tokyo 2020 per la Corea del Nord. L’annuncio della rinuncia di partecipare ai Giochi olimpici è stato pubblicato sul sito web del Ministero dello Sport nordcoreano. La decisione è stata comunicata al termine di una riunione del Comitato olimpico nazionale di Pyongyang del 25 marzo.

“No Tokyo 2020 per la pandemia”

Il Ministro dello Sport di Pyongyang ha spiegato che il comitato olimpico della Corea del Nord “ha deciso di non partecipare ai 32mi Giochi olimpici per proteggere gli atleti dalla crisi sanitaria globale causata dal Covid-19“.

Tokyo 2020
fonte foto https://www.facebook.com/tokyo2020

Rallenta la diplomazia

L’annuncio di oggi da parte della Corea del Nord mette fine alle speranze di Seul di utilizzare i Giochi del 2020, rinviati a questa estate a causa della pandemia, per innescare una ripresa del processo di discussione tra Pyongyang e Washington, interrotto dal fallimento di un vertice Kim-Trump ad Hanoi nel febbraio 2019.

Alle ultime olimpiadi invernali, disputate a Pyeongchang in Corea del Sud, ha partecipato Kim Yo-jong, sorella del leader nordcoreano Kim Jong-un. Una presenza molto pubblicizzata che è servita a avvicinare maggiormente le due Coree e a riavviare il dialogo con gli Stati Uniti e Pyongyang dopo il fallimento dell’ultimo incontro tra Donald Trump e Kim.


Terremoto a Norcia, magnitudo 3.0

Covid, preoccupa la variante giapponese: sarebbe più resistente al vaccino. Quali sono i sintomi