La difesa di Giorgia Meloni dei "non laureati": scoppia il caos
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

La difesa di Giorgia Meloni dei “non laureati”: scoppia il caos

Giorgia Meloni

La difesa di Giorgia Meloni dei non laureati accende il dibattito sull’istruzione superiore in Italia. Le implicazioni di questa polemica.

La premier italiana Giorgia Meloni ha recentemente sollevato una polemica infuocata difendendo i “non laureati“, ponendo l’accento su una presunta lotta di classe tra chi ha completato gli studi universitari e chi no. La leader di Fratelli d’Italia ha sottolineato come, nonostante la mancanza di un titolo di studio, sia possibile raggiungere posizioni di prestigio, come ha dimostrato lei stessa diventando Presidente del Consiglio. Ma quanto sono giustificate le sue parole in un contesto in cui l’Italia è in ritardo rispetto ad altri paesi sul fronte dell’istruzione superiore?

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

La polemica tra Meloni e Cottarelli: due visioni contrapposte

Durante un recente comizio, Meloni ha citato il senatore Carlo Cottarelli, il quale ha affermato: “non chiamatemi per nome ma dottore, perché io sono laureato“. Questa dichiarazione ha dato l’avvio a una discussione accesa su cosa significhi davvero avere o non avere una laurea in Italia. La premier ha ribattuto che l’assenza di un titolo accademico non preclude il successo, come dimostra il suo percorso personale e quello di altri politici di spicco come Teresa Bellanova, Andrea Orlando, Valeria Fedeli e Luigi Di Maio. Tuttavia, il problema va oltre le singole storie di successo.

L’Italia e i non laureati: un problema strutturale

La questione sollevata da Meloni non può essere separata dalla situazione drammatica dell’istruzione superiore in Italia. Secondo le statistiche, il nostro paese ha meno laureati giovani rispetto a Colombia e Costa Rica. La percentuale di laureati nella fascia d’età 25-64 anni è del 20%, ben al di sotto della media europea, e di gran lunga inferiore rispetto a Germania e Spagna. Solo la metà dei diplomati italiani decide di proseguire gli studi universitari, e le proiezioni per i prossimi vent’anni indicano una continua diminuzione dei giovani disposti a intraprendere percorsi accademici.

La difesa di Meloni dei non laureati potrebbe essere vista come un tentativo di cavalcare una lotta di classe, ma i numeri suggeriscono che il vero problema è l’insufficienza di laureati in Italia. La mancanza di investimenti nell’istruzione superiore rischia di aggravare ulteriormente questa situazione, limitando le opportunità di crescita economica e sociale del paese. È quindi fondamentale che il dibattito si concentri non solo sulle singole storie di successo, ma anche sulla necessità di migliorare l’accesso e la qualità dell’istruzione universitaria per tutti.

La difesa di Giorgia Meloni dei non laureati ha acceso un dibattito importante in Italia. Tuttavia, per affrontare veramente le sfide future, è essenziale riconoscere e risolvere i problemi strutturali del nostro sistema educativo. Solo attraverso un impegno serio verso l’istruzione superiore potremo sperare di colmare il divario con gli altri paesi europei e garantire un futuro prospero per le nuove generazioni.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 21 Maggio 2024 13:27

Santoro: “Duello Meloni-Schlein in tv? L’ho fatto saltare”

nl pixel